Il neo deputato Di Caro: "Contro la nomenklatura dei partiti"

Anna Alba: "Con lui alla Regione e con le conoscenze che ha acquisito in quasi 20 anni di attività alle dipendenze di un ente locale si potranno produrre impianti normativi più snelli e meno complicati a tutto vantaggio delle dinamiche amministrative e della stessa burocrazia"

Il neo deputato Giovanni Di Caro

"Sono stato sempre vicino al movimento partecipando, nel 2007, al primo 'V-Day', iniziativa politica promossa con l’intento di raccogliere le firme per la presentazione di una legge di iniziativa popolare riguardante i criteri di candidabilità ed eleggibilità dei parlamentari, i casi di revoca e decadenza degli stessi e la modifica della legge elettorale. Dopo le regionali del 2012, a Favara, abbiamo costituito un gruppo che via via si è allargato tanto da riuscire a sconfiggere la vecchia nomenklatura partitica alle amministrative del 2016". Lo ha detto, ricordando la nascita del movimento Cinque Stelle, - secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia - il neo deputato Giovanni Di Caro - . 

Otto agrigentini all'Ars, ecco chi sono e cosa hanno fatto

Per il successo di Di Caro ha espresso, ieri sera, soddisfazione il sindaco di Favara, Anna Alba, convinta che "con lui alla Regione Siciliana e con le conoscenze che lui ha acquisito in quasi 20 anni di attività alle dipendenze di un ente locale si potranno produrre impianti normativi più snelli di quelli attuali e sicuramente meno complicati a tutto vantaggio delle dinamiche amministrative e della stessa burocrazia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco gli agrigentini che andranno a palazzo dei Normanni  

Raddoppiando i voti ottenuti alle elezioni regionali del 2012, in cui era presente, Giovanni Di Caro si è collocato in posizione utile nella lista del movimento 5 Stelle per conquistare uno scanno a sala d’Ercole. Quarantadue anni, sposato con due figli, Flavia di 11 anni e Giuseppe di 7, nel 1998 ha vinto un concorso, per soli titoli, al Comune di Favara riuscendo, nonostante l’impegno lavorativo, a trovare il tempo per continuare gli studi che aveva interrotto e a laurearsi in ingegneria, ramo informatico, materia che lo ha sempre appassionato, addirittura da quando frequentava la scuola media utilizzando i primi Commodore 64. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento