Vincenzo Giambrone è il nuovo sindaco di Cammarata

Vincenzo Giambrone è il nuovo sindaco cammaratese. E' stato un "testa a testa" fino alla fine: il risultato è rimasto incerto fino alla fine, seppure si trattasse di poche migliaia di votanti e di appena due liste di candidati, è stato un continuo sorpassarsi

Vincenzo Giambrone

Vincenzo Giambrone è il nuovo sindaco cammaratese. E' stato un “testa a testa” fino alla fine: e a diluire oltremodo i tempi, seppure si trattasse di poche migliaia di votanti e di appena due liste di candidati, è stato un continuo “contendersi” anche i voti di lista visto che l'obiettivo era tra l'altro quello di accaparrarsi il premio di maggioranza. E in favore di Giambrone sono state espresse 1.655 preferenze che gli hanno tributato la vittoria con soli 11 voti di scarto su Vincenzo Carità. Alla fine sono stati 4.290 elettori, pari al 78,95percento che costituisce un calo del 3,78per cento nell'affluenza rispetto alle precedenti consultazioni, a recarsi alle urne. Ma è un risultato accettato “con riserva” dall'antagonista, Vincenzo Carità.

«Mi sono candidato per ripagare un debito di gratitudine con la mia città che politicamente mi ha sempre dato tanto – ha detto il neo eletto sindaco Giambrone – adesso lavoreremo a quanto stabilito nel nostro programma, lo stesso programma che gli elettori hanno condiviso e premiato. Giovani, anziani e le fasce più deboli sono quelle su cui punteremo l'attenzione. Voglio mettere al servizio del mio paese i miei 45 anni di esperienza in politica: i primi sforzi saranno rivolti alla creazione di infrastrutture e al consolidamento dell’identità del territorio con una particolare attenzione agli agricoltori che ancora eroicamente resistono tra mille difficoltà del comparto».

Per lo “sconfitto” di misura, Vincenzo Carità, si tratta comunque di un buon risultato. «Accettiamo il risultato, il responso dell'urna, e auguriamo buon lavoro al nuovo sindaco. Ci riserviamo di parlare con i nostri rappresentanti di lista per capire se ci sono margini per eventuali ricorsi visto che ci sono stati voti contestati. Fermo restando che da un punto di vista politico il risultato è per noi un'affermazione visto che si tratta di persone praticamente svincolate da logiche partitiche, - ha detto il medico - e tra noi non c'erano ex amministratori quindi rappresenta un rinnovamento: uomini e donne che vedevano la politica come servizio per il cittadino e non per giochi di potere e di interessi politici. Ci abbiamo creduto, come ci ha creduto metà di Cammarata. A noi rimane la responsabilità di vigilare sugli atti amministrativi e produrre atti finalizzati al miglioramento, con un'opposizione che deve qualcosa a metà città, la parte civile e non politica».

I cammaratesi alle urne hanno eletto il 73esimo primo cittadino dal 1820. Gli elettori aventi diritto erano 5434, di cui 13 cittadini della Comunità europea (prevalentemente rumeni) residenti a Cammarata che in base alla nuova legge hanno fatto espressa richiesta per poter esercitare il proprio diritto di voto in occasione di queste consultazioni elettorali.

Vincenzo Giambrone è nato a Cammarata nel '46, è stato deputato regionale dal 2001 al 2006 con Forza Italia; già direttore generale del Consorzio di Bonifica 3 di Agrigento. Ha ricoperto la carica di sindaco di Cammarata negli anni 80/90 per ben due legislature e di consigliere comunale dal 1970 al 1994. Le coalizioni che hanno sostenuto la candidatura di Giambrone sono Voce Siciliana, Nuovo Centro Destra, parte del Partito Democratico, Indipendenti e appartenenti alla società civile.

«Non rientrava nei miei programmi la candidatura a sindaco – ha dichiarato Giambrone durante la campagna elettorale –  perché ero proiettato su altri progetti, ma il senso di responsabilità davanti ad una richiesta e ad una sollecitazione politica e della gente comune mi ha indotto a candidarmi perché voglio spendermi per Cammarata dato il momento difficile in cui ci troviamo. Coinvolgerò più persone possibili alla partecipazione della gestione amministrativa». 

Nel comune montano, avuta la certezza dell'esito delle consultazioni, la festa è iniziata e proseguita fino a tardi per un risultato incerto e che ha fatto trepidare i due schieramenti fino alla fine. Adesso si festeggia e da domani, assicura Giambrone, si inizia a programmare le azioni da porre in essere per rendere concreto il progetto per la città.

CLICCA QUI PER I RISULTATI DELL'ELEZIONE DEL SINDACO

CLICCA QUI PER I RISULTATI DELL'ELEZIONE DEL CONSIGLIO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento