Agrigento, il Consiglio elegge un nuovo revisore: solo parole o accordo politico?

Basterebbe guardare i voti ottenuti per l'elezione del revisore per notare inevitabilmente una chiara "somiglianza" con le dinamiche che hanno portato all'elezione di Carmelo Settembrino a presidente del Consiglio comunale

L'aula del Consiglio comunale di Agrigento

Il Consiglio comunale di Agrigento ha eletto, nella seduta di ieri sera, il nuovo componente del Collegio dei Revisori dei Conti dell'Ente. Si tratta dell'agrigentino Emilio Agnello, eletto con 17 voti raggiunti grazie all'unione tra Ncd, Mpa e Pd. Ad astenersi, uscendo dall'aula, soltanto il gruppo di Forza Italia.

Comunque sia, basterebbe guardare i voti ottenuti per l'elezione del nuovo revisore per notare inevitabilmente una chiara "somiglianza" con le dinamiche che hanno portato all'elezione di Carmelo Settembrino a presidente del Consiglio comunale soltanto poche settimane fa. Gli equilibri confermerebbero, dunque, un asse di maggioranza trasversale all'interno del Consiglio comunale, che vede una compattezza tra Ncd, Mpa e Pd. E se, al di là delle parole, si sia trattato di un accordo che prevedeva l'elezione del presidente e del revisore?

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento