Porto Empedocle, scontro in Consiglio fra maggioranza e opposizione

Nove esponenti della minoranza replicano ai M5s che avevano attaccato duramente la presidente Marilù Caci

Il Comune di Porto Empedocle

Duro scontro fra consiglieri comunali a Porto Empedocle. Nove esponenti dell'aula replicano agli attacchi alla presidente Marilù Caci arrivati nei giorni scorsi da Salvatore Ersini e Morena Cortelli. Si tratta di Alfonso Scimè, Calogero Lattuca, Salvatore Bartolotta, Giuseppe Todaro, Krizia Filippazzo, Antonina Pullara, Giuseppina Termini, Concetta Sacco e Valentina Di Manuele. 

"Un attacco politico frontale ed inaccettabile - dicono - ad un presidente che non vuole sottomettersi alla logica arrogante e monopolista espressa fino ad oggi dal nostro sindaco Ida Carmina. I due consiglieri, appartenenti al gruppo  politico del primo cittadino, nel maldestro tentativo di deresponsabilizzarlo per la "questione Italcementi" hanno diffuso alla stampa una nota,  espressione della totale mancanza di contenuti e di un modus operandi provocatore, in costante disarmonia con l'intera compagine consiliare decidendo di abbandonare la strada del confronto e del dialogo politico".

I consiglieri aggiungono: "Esprimiamo invece la nostra totale stima al presidente del consiglio Marilú Caci che con scrupolo, dedizione e professionalità ha sempre svolto il proprio ruolo garantendo l'osservanza della leggi, dei regolamenti e nel massimo rispetto di ogni singolo consigliere, rilevando,  anche nel comune senso della collettività cittadina, grande apprezzamento per il lavoro svolto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento