Consiglio comunale in "vacanza"? Tanti i punti da discutere

Le commissioni sono ferme a novembre, aula "Sollano" invece ha tanti argomenti all'Odg da mesi

Consiglio Comunale, è suonata la campanella di fine (e)lezioni?

Sì perché se aula “Sollano” ha vissuto un dicembre di “fuoco” per riuscire a portare a casa l’approvazione di tutti gli strumenti finanziari e degli atti che hanno poi consentito, la notte del 31, la firma dei contratti di stabilizzazione dei precari, a guardare cosa c’è ancora oggi all’ordine del giorno e cosa emerge invece dai calendari delle convocazioni delle commissioni consiliari permanenti e dello stesso Consiglio sembra proprio che in quanto rimarrà di questo scampolo di consiliatura ci sarà poco spazio per discutere di tutte le problematiche e gli argomenti che sono stati proposti alla Presidenza.

Siamo chiari, l’avvicinarsi della campagna elettorale rende solo più evidente un fenomeno che a dirla davvero tutta non è nuovissimo: che questo Consiglio comunale avesse difficoltà a mantenere in piedi il numero legale (vuoi per fragilità della maggioranza, vuoi per disinteresse da parte di alcuni consigli) lo abbiamo scritto più volte in passato. La novità è semmai che anche le commissioni stanno iniziando ad avere la medesima criticità ad essere convocate, al punto che si sta addirittura lavorando ad una modifica del regolamento al fine di rendere più semplice questo anche in caso di eventuale assenza del presidente della commissione stessa. A guardare quanto oggi disponibile on line sembra proprio ce ne sia un gran bisogno comunque: ci sono commissioni che non si riuniscono da inizio novembre e altre che invece vanno praticamente quasi sempre deserte, come quella Lavori pubblici, che pare sia funestata da duri scontri interni e dalle intemperanze di uno dei componenti. Tant’è.

Più frequenti le riunioni del Consiglio comunale, ma queste a ben vedere non consentono di smaltire tutti i punti inseriti all’ordine del giorno, alcuni risalenti anche ad alcuni mesi fa: al 13 dicembre scorso erano una trentina le proposte di deliberazione e le mozioni inserite all’odg (la quasi totalità a firma della consigliera comunale del Movimento 5 Stelle Marcella Carlisi) e altri punti sono stati proposti nei giorni scorsi con il rischio concreto che non potranno mai essere discussi, vista la breve durata delle sedute e considerato che queste spesse “volano” via approvando debiti fuori bilancio o a causa di lunghi e sfiancanti dibattiti-battibecchi interni tra consiglieri comunali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento