M5S Casteltermini, i consiglieri comunali: "Nuovi comportamenti dispotici ed antidemocratici al Consiglio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

I consiglieri comunali M5S di Casteltermini: “Nuovi comportamenti dispotici ed antidemocratici al Consiglio Comunale”. Con segnalazione dello scorso 24.01.2019 i Consiglieri Comunali del MoVimento 5 Stelle di Casteltermini segnalano alle autorità di vigilanza le ennesime, gravi scorrettezze commesse ai danni dell'opposizione dal Presidente del Consiglio Comunale e da altri componenti dell'apparato burocratico-amministrativo dell'ente che minano alle basi i principi democratici che sorreggono le istituzioni comunali ed i diritti dell'opposizione.

“Già una volta siamo stati costretti a segnalare alle autorità di vigilanza i comportamenti antidemocratici ed in persistente violazione di legge assunti dalla Presidenza del Consiglio e da altri componenti dell'apparato burocratico dell'ente ai nostri danni – dicono i consiglieri M5S – in relazioni ai quali l'Assessorato EE.LL. della Regione Sicilia ha già attivato (con D.D.G. n. 176/S.3/2018 del 17.07.2018) un primo procedimento ispettivo avente ad oggetto il rispetto delle prerogative dei Consiglieri Comunali e delle norme di legge e regolamentari che si assumono violate, ancora non definito. Le nuove segnalazioni in materia di abusiva limitazione del diritto di parola critica e violazione delle norme procedurali poste a garanzia dei diritti di partecipazione, iniziativa e difesa degli esponenti delle opposizioni – proseguono – minano alle basi il sistema di pesi e contrappesi del sistema politico-amministrativo degli enti locali, ponendosi ai limiti della sovversività”. La persistente, grave violazione della legge e/o della Costituzione da parte degli organi politico-amministrativi dei Comuni, possono infatti essere sanzionate dall'art. 142 TUEL e dal corrispondente art. 745 OREL, anche con la rimozione degli amministratori dalla carica. Il tutto alla vigilia della sentenza relativa alla ineleggibilità alla carica di sindaco da parte del dott. Gioacchino Nicastro, contestatagli da un folto numero di elettori del Comune, ed incamerata per la decisione dalla Corte d'Appello di Palermo lo scorso 25.01.2019. Con la nuova segnalazione i Consiglieri M5S di Casteltermini sollecitano le autorità di vigilanza a definire la procedura ispettiva ancora in corso ed a comminare tempestivamente le sanzioni previste dall'ordinamento al fine di ripristinare l'ordine pubblico all'interno dell'ente".

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento