Commercio ambulante a San Leone, Vaccarello: "Non ci sono regole"

Duro intervento del consigliere comunale, che invoca il massimo controllo ed il rispetto delle regole

San Leone

“Si è tanto discusso di decoro per San Leone ma mi chiedo: le regole valgono solamente per i commercianti della ristorazione? E gli abusivi che ancora operano sul lungomare?". Questo il commento del consigliere comunale, Vaccarello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dopo riunioni tecniche - dice in un comunicato - vertici in Prefettura e soprattutto molte promesse, i "paninari", hanno raggiunto una intesa  con l’Amministrazione e con la Prefettura per trasferirsi nel piazzale ex eliporto ma i posti resi liberi, da un ordine prefettizio e che insistono in piazza Caratozzolo, sono stati occupati da venditori extracomunitari abusivi.  È davvero una situazione intollerabile. Chiedo innanzitutto al Prefetto di risolvere al più presto questa situazione che sicuramente non è normale e accettabile. Chiedo al vicesindaco Elisa Virone, il sindaco Firetto e l'assessore Muglia quali atti hanno posto in essere per risolvere questa situazione?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento