M5s Casteltermini: "Gli scrutatori siano scelti tra cittadini indigenti e disoccupati"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Domenica 29 marzo il popolo italiano sarà chiamato alle urne per decidere se confermare o meno la riduzione del numero dei Parlamentari. Il voto dei cittadini aventi diritto, infatti, sarà decisivo su una riforma costituzionale che potrebbe ridurre il numero dei seggi in Parlamento dagli attuali 945 a 600 totali (200 senatori e 400 deputati), come voluto fortemente dal MoVimento 5 Stelle in questa Legislatura. Trattandosi di referendum confermativo non è previsto alcun quorum, sarà quindi sufficiente che il numero dei Sí, ossia coloro i quali condividono la riforma, superi quello dei No. Per quanto concerne, invece, gli scrutatori il Comune, così come in ogni competizione elettorale, è chiamato a deliberare i criteri e le modalità di selezione degli scrutatori. A tal proposito il Movimento 5 Stelle di Casteltermini auspica che sia disposta una selezione che, attraverso pubblico sorteggio, conceda la priorità ai cittadini castelterminesi che si trovano in uno stato di indigenza e/o di disoccupazione-inoccupazione. In attesa della sentenza di Cassazione che ristabilisca l’ordine istituzionale.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento