Ribera, consiglieri di Forza Italia: "Introdurre baratto amministrativo"

Si tratta di uno strumento introdotto dal decreto Sblocca Italia, che offre la possibilità ai cittadini in difficoltà di poter saldare i propri debiti tributari, mettendosi a disposizione del Comune per eseguire lavori socialmente utili

Il municipio di Ribera

I consiglieri di Forza Italia del Comune di Ribera propongono lo strumento del baratto amministrativo, invece dell'idea di introdurre la tassa di soggiorno.

Il baratto amministrativo 2017 è uno strumento introdotto dal decreto Sblocca Italia, che offre la possibilità ai cittadini in difficoltà di poter saldare i propri debiti tributari (Tasi, Imu, Tari), mettendosi a disposizione del Comune per eseguire lavori socialmente utili poiché oggettivamente impossibilitati a pagare i tributi.

"È necessario – continuano i consiglieri di Forza Italia, D’Azzo, Farruggia e Tramuta - che uno specifico regolamento definisca i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi di riqualifica del territorio, proposti sia da singoli che da cittadini associati. Tali interventi, possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l'abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano”.

L'esenzione dal pagamento delle tasse locali grazie al “baratto amministrativo” è concessa solo per un periodo di tempo limitato, a seconda del tipo di tributo da pagare e dell'attività di lavoro socialmente utile, criteri questi che devono essere decisi direttamente dal Comune.

"Il baratto amministrativo, - sostengono i consiglieri D’Azzo, Farruggia e Tramuta - consentirebbe ai cittadini disagiati, non solo di saldare il proprio debito attraverso lo svolgimento di lavori socialmente utili, ma anche e soprattutto di non perdere la dignità di essere umano, di padre o madre, marito o moglie, di nonno e nonna, e di aumentare la fiducia nei confronti di una Pubblica amministrazione, ormai vista solo come oppressore, despota e sanguisuga. Alcuni comuni vicini, come Sciacca e Montevago, hanno già approvato il regolamento, perché a Ribera si continua a perdere tempo se fin dal mese di ottobre dello scorso anno abbiamo depositato una bozza di regolamento comunale?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I consiglieri dicono "basta alla finanza creativa della giunta di città con irrealizzabili ed inutili 'balzelli' buoni solo per racimolare qualche euro per feste e festini come il goffo e grottesco tentativo di introdurre l’imposta di soggiorno immediatamente esecutiva”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento