Duecento musicisti sono già pronti, sarà una stagione concertistica itinerante

Sabato 14 aprile, alle 18, all'auditorium, sarà il concerto del dipartimento di percussioni curato dal maestro Sergio Calì ad aprire l'imponente maratona musicale

Ribera, Sciacca, Agrigento, Palermo, Segesta, Roma, Novara e Maenza. Sarà una stagione concertistica itinerante quella del 2018 dell'istituto superiore di studi musicali "Toscanini" di Ribera. Sabato 14 aprile, alle 18, all'auditorium, sarà il concerto del dipartimento di percussioni curato dal maestro Sergio Calì ad aprire la stagione. Una stagione che vedrà protagonisti più di 200 musicisti del "Toscanini", tra docenti e giovani talenti, in 30 eventi che si terranno in  diverse città. 

Una imponente maratona musicale che dal mese di aprile fino al 10 novembre impegnerà tutti i dipartimenti attualmente attivi: 22 corsi di laurea di strumenti classici e jazz, frequentati da 350 studenti provenienti da varie province siciliane e 35 Comuni diversi. I giovani interpreti del "Toscanini" avranno modo di essere apprezzati in varie formazioni e in sedi pretigiose quali il teatro "Pirandello" di Agrigento, il teatro "Massimo" di Palermo, il teatro Greco di Segesta, la sala Baldini in Campitelli a Roma, e durante il festival internazionale di Maenza. Da segnalare la rassegna di 4 concerti in Sala Onu al teatro Massimo di Palermo e l’appuntamento estivo ormai fisso con il festival Le Dionisiache  2018 che si terrà il 10 agosto al teatro Greco di Segesta/Calatafimi.  

"Il Toscanini è una risorsa culturale importante per il territorio, un ente di alta formazione musicale e di produzione artistica che persegue  obiettivi didattici e professionali sempre più qualificanti ed ambiziosi. Siamo onorati e lieti della cooperazione instaurata con alcuni tra i teatri più importanti della Sicilia, in attuazione delle convenzioni con essi stipulate, e dei Comuni e delle associazioni che hanno aderito a questo ambizioso progetto a sostegno della Cultura e del talento Made in Sicily - ha dichiarato il direttore Mariangela Lonto - . Tutti i concerti saranno ad ingresso libero, eccetto quelli al teatro Massimo e al teatro Greco di Segesta per cui sarà consentito l’accesso con speciale tessera “Amici del toscani” da ritirare presso l’istituto. La stagione concertistica itinerante 2018 sarà l’occasione per esportare produzioni musicali dell’istituto fuori dai propri confini territoriali e anche fuori dalla Sicilia grazie alla cooperazione attivata con istituzioni importanti che operano nel settore musicale. E’ un momento molto intenso in previsione della riapertura dei termini di iscrizione dal 1 aprile, con tante novità relativamente ai corsi di base, ai corsi propedeutici e ai corsi accademici compresi i nuovi bienni ordinamentali. Ma oltre alla didattica, offrire  ai giovani talenti importanti occasioni di confronto e di visibilità per una maggiore crescita professionale e un futuro inserimento nel mondo del lavoro rientra tra i nostri principali obiettivi, certi che l'arte e la cultura debbano rivestire un ruolo sempre piu importante in Italia, e in particolar modo in Sicilia, come motore di sviluppo economico e di progressione sociale” - ha concluso il direttore Mariangela Longo - . 

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande vecchio della letteratura

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento