Lascia Santo Stefano Quisquina, dopo 15 anni va via il maresciallo Rosario Guttilla

Il sindaco: "Ha coordinato la stazione dei carabinieri con grande professionalità, abnegazione e disponibilità, ergendosi a importante punto di riferimento al servizio dell'intera comunità, delle istituzioni democratiche e della legalità" 

(foto ARCHIVIO)

Dopo quindici anni, tempo durante il quale ha guidato la stazione dei carabinieri, il maresciallo Rosario Guttilla lascia Santo Stefano Quisquina. E' stato trasferito a Lercara Friddi, nel Palermitano. Ad esprimere gratitudine nei confronti del maresciallo Guttilla, ieri, è stato il sindaco Francesco Cacciatore e l'intera amministrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Esprimiamo la nostra gratitudine al maresciallo Rosario Guttilla per aver coordinato la stazione dei carabinieri di Santo Stefano Quisquina - ha scritto il sindaco Cacciatore - con grande professionalità, abnegazione e disponibilità, ergendosi a importante punto di riferimento al servizio dell'intera comunità stefanese, delle istituzioni democratiche e della legalità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • Nuovo focolaio da Coronavirus? Firetto sbotta: "Agrigento è Covid free da almeno 2 mesi"

  • Neonato muore all'Utin del "San Giovanni di Dio", esposto dei genitori: aperta inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento