Sala espositiva intitolata al marciatore belga morto durante la Sagra

Jean Marc Bodart è deceduto durante la fiaccolata della settantatreesima edizione del Mandorlo in fiore

Jean Marc Bodart

La Giunta ha deliberato. La sala corridoio espositiva del terzo piano di palazzo dei Filippini verrà intitolata a Jean Marc Bodart deceduto durante la fiaccolata della settantatreesima edizione del Mandorlo in fiore. Un riconoscimento, pieno ed autentico, nei confronti del marciatore belga del gruppo dei “Marciatori di Marches folkloriques de l’Entre Sambre – et Meuse”. Il sindaco Lillo Firetto, subito dopo il decesso del componente del gruppo folk, lo aveva, più volte, detto: “Non lo dimenticheremo!”.

“Preso atto delle doti professionali, artistiche ed umane, testimoniate dai componenti del gruppo dei marciatori a cui apparteneva il noto personaggio di Florennes, direttore della batteria dei marciatori, dopo aver servito la cittadinanza di Chatelet e di Couvin, aveva finito la sua carriera come commissario di Dinant. Appassionato di marce popolari – ha ricostruito il sindaco – era arrivato ad Agrigento in occasione della settantatreesima edizione del Mandorlo in fiore, con il suo gruppo, per una nuova esperienza che doveva combinare folklore, amicizia e arricchimento culturale”.

Dell’intitolazione sono stati già informati i familiari del defunto attraverso l’ambasciata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • A Milano con la paura addosso, Daniele: "Coronavirus? Ho un consiglio per i miei concittadini"

  • Su e giù dai carri e continue risse, il questore "ferma" il Carnevale di Palma

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento