Sala espositiva intitolata al marciatore belga morto durante la Sagra

Jean Marc Bodart è deceduto durante la fiaccolata della settantatreesima edizione del Mandorlo in fiore

Jean Marc Bodart

La Giunta ha deliberato. La sala corridoio espositiva del terzo piano di palazzo dei Filippini verrà intitolata a Jean Marc Bodart deceduto durante la fiaccolata della settantatreesima edizione del Mandorlo in fiore. Un riconoscimento, pieno ed autentico, nei confronti del marciatore belga del gruppo dei “Marciatori di Marches folkloriques de l’Entre Sambre – et Meuse”. Il sindaco Lillo Firetto, subito dopo il decesso del componente del gruppo folk, lo aveva, più volte, detto: “Non lo dimenticheremo!”.

“Preso atto delle doti professionali, artistiche ed umane, testimoniate dai componenti del gruppo dei marciatori a cui apparteneva il noto personaggio di Florennes, direttore della batteria dei marciatori, dopo aver servito la cittadinanza di Chatelet e di Couvin, aveva finito la sua carriera come commissario di Dinant. Appassionato di marce popolari – ha ricostruito il sindaco – era arrivato ad Agrigento in occasione della settantatreesima edizione del Mandorlo in fiore, con il suo gruppo, per una nuova esperienza che doveva combinare folklore, amicizia e arricchimento culturale”.

Dell’intitolazione sono stati già informati i familiari del defunto attraverso l’ambasciata. 

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento