Rifiuti e detriti invadono i torrenti, ecco tutti gli interventi di pulizia

Sarà migliorata anche la funzionalità idraulica: ieri vertice negli uffici del Genio Civile. Intanto, a Menfi, multata una persona che ha abbandonato immondizia lungo il Mandrarossa, con bollette che riportavano i dati anagrafici

Dopo i danni causati dai violenti nubifragi di novembre, arriva il via libera del Genio Civile per la rimozione dei detriti dall’alveo dei torrenti e per il miglioramento della funzionalità idraulica. Sono previsti tre tipologie di lavori. La decisione nel corso di una conferenza dei servizi, nell’ufficio del Genio Civile di Agrigento, dove erano presenti anche i rappresentanti del Comuni di Sciacca, Ribera e Caltabellotta. 

Si interverrà nei valloni San Leonardo, Cangemi e nel torrente San Marco di Sciacca. Per i valloni Ciavolaro e Cangemi nel verbale è riportato che “a causa del restringimento delle sezioni degli alvei non è garantito il libero deflusso delle acque e sono soggetti a fenomeni di esondazione. Tutto ciò è stato causato, verosimilmente, dalla mancanza di manutenzione degli alvei negli ultimi decenni, che ha favorito il deposito dei detriti alluvionali e la proliferazione della folta vegetazione che specie in alcuni tratti ha notevolmente ridotto le sezioni idrauliche dei corsi d’acqua”.

Danneggiamenti a causa del corrente Mandrarossa, in arrivo 700 mila euro

Il verbale, per il torrente San Marco, riporta invece: “L’intervento proposto è mirato esclusivamente all’asportazione dei detriti alluvionali lungo l’asta del torrente.

“È stato accolto il mio ordine del giorno – dice il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello – che impegna il governo a prevedere, anche in prossimi provvedimenti, i fondi necessari per la ricostruzione dei territori danneggiati dall'alluvione”. 

Danni del maltempo, l'ira del presidente Musumeci: "Paghiamo anni di disonestà"

Intanto, a Menfi, la polizia locale ha individuato, attraverso il controllo dei rifiuti, una persona che ha abbandonato un sacchetto di immondizia nel torrente Mandrarossa. C'erano bollette, ricevute bancarie, tutto con nome e cognome. Questa persona rischia una multa fino a mille euro. La polizia locale ha pubblicato, nel proprio sito internet, anche le foto che documentano l'intervento effettuato. Controlli svolti anche nei comuni del Belice, da Santa Margherita, a Sambuca ed a Montevago interventi come questo sono già stati effettuati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento