Abbandono di rifiuti davanti alle telecamere, il sindaco lancia l'appello: "Ripulisci o ti multo"

L'iniziativa è firmata dal primo cittadino di Comitini che ha pubblicato uno specifico post sulla sua pagina Facebook per intimare all'autore del gesto di raccogliere la spazzatura

Un vero e proprio ultimatum: ripulire l'area insozzata oppure beccarsi una multa salatissima. Il sindaco di Comitini, Nino Contino, dalla sua pagina Facebook lancia un appello ad un ignoto inquinatore, che nei giorni scorsi ha abbandonato alcuni rifiuti - tra cui degli ingombranti - in una zona che però nel frattempo era stata monitorata con sistemi di videosorveglianza. 

Così il sindaco ha pubblicato un post sui social. "L'incivilta regna sovrana. L'area è sottoposta da venerdi a videosorveglianza. Vi invito entro mezzanotte a ripulire quanto  depositato altrimenti domani scatterà la denuncia ed una sanzione sino a 650 euro".

Parole inequivocabili che il primo cittadino, verosimilmente, spera arrivino al destinatario, ovvero colui che ha abbandonato il tutto. L'idea sembra proprio quella di una volontà di "rieducazione", per quanto non crediamo che il sindaco possa non applicare la sanzione nei confronti di chi ha abbandonato il rifiuto se esso è in possesso di strumenti per individuare l'autore.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Specchio, specchio delle mie brame

  • Il party perfetto di Ferragosto

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • Mafia e massoneria deviata, scatta un altro arresto e un obbligo di presentazione alla Pg

  • Si sente male mentre fa il bagno, tragedia in spiaggia: muore un pensionato

  • Auto investe un ciclomotore e scappa: due 17enni feriti, denunciato automobilista "pirata"

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento