Liberate due Caretta caretta ad Eraclea Minoa

L'iniziativa è stata promossa dall'associazione ambientalista Marevivo durante una giornata dedicata

Due tartarughe della specie Caretta caretta sono state liberate in mare presso l’oasi Marevivo ad Eraclea Minoa – Bovo Marina, in provincia di Agrigento.

L’iniziativa, voluta dall’associazione ambientalista Marevivo con il sostegno della Fondazione con il Sud, si è svolta in collaborazione con l’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia sede del Cretam dove le Caretta caretta sono state curate e riabilitate.

Entrambe le tartarughe recuperate dalla Capitaneria di Porto di Palermo erano di sesso femminile e, solo dopo indagini diagnostiche e terapie di supporto presso il Centro di monitoraggio e controllo di tartarughe marine e cetacei, sono state riabilitate alla re immissione in natura.

“È importante educare la cittadinanza alla salvaguardia dell’ambiente marino – ha detto il commissario straordinario dell’Izs Sicilia Salvatore Seminara – e con queste iniziative in giro per la Sicilia siamo certi di riuscirci. Continueremo a lavorare per sensibilizzare l’opinione pubblica”. Hanno aderito all’iniziativa l’Assessorato Regionale all’Agricoltura – Dipartimento sviluppo rurale; i Comuni di Ribera e Cattolica Eraclea; Castalia – Italian marine ecology company; gli istituti scolastici “Ezio Contino” di Cattolica Eraclea-Montallegro, “Francesco Crispi” ad indirizzo musicale di Ribera, Iiss “Francesco Crispi”; Ic ad indirizzo musicale “Francesco Navarro” e la Cooperativa sociale Arcobaleno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento