“Lampedus’amore", tutto pronto per il premio giornalistico internazionale Cristiana Matano

Tre serate rese possibili dalla passione che anima i componenti dell’Associazione “Occhiblu” che lavorano un intero anno per raccogliere idee e convogliare a Lampedusa persone e pensieri in grado di affrontare, in momenti di congiunture non facili, temi scottanti che chiedono soluzioni: i migranti, l’integrazione, il ruolo della Sicilia

Cristiana Matano

Ci siamo quasi, ultimi preparativi e domani scatterà, per andare avanti fino all’8, la quarta edizione di “Lampedus’amore-Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano”, la giornalista campana ma siciliana di adozione che si è spenta quattro anni fa e che a Lampedusa, la sua isola del cuore, ha scelto di riposare.

Da quest’anno il Premio può contare sull’alto patrocinio del Parlamento europeo, che ne ha apprezzato le finalità e la promozione di “valori come l’integrazione, l’accettazione e la solidarietà attraverso il teatro, lo sport, la musica, i convegni e la consegna dei premi di giornalismo intitolati a Cristiana Matano”.

Tre serate che, ancora una volta, lasceranno il segno perché ricche di contenuti e, soprattutto, rese possibili dalla passione che anima i componenti dell’Associazione “Occhiblu” che lavorano un intero anno per raccogliere idee e convogliare a Lampedusa persone e pensieri in grado di affrontare, in momenti di congiunture non facili, temi scottanti che chiedono soluzioni: i migranti, l’integrazione, il ruolo della Sicilia. Lo confermano le parole di Filippo Mulè, il presidente-capitano di questa avventura che tiene insieme follia e utopia: “Ricordare, raccontare, riflettere. Siamo al quarto anno di Lampedus’Amore-Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano e il nostro contenitore quest’anno si arricchisce di nuovi significati, senza tuttavia smarrire la sua genuinità e soprattutto la sua genesi. E’ un progetto nato dal dolore, forse anche dalla rabbia, sicuramente dalla voglia di inseguire la vita… oltre la vita.  Una missione che vuole celebrare i valori della cultura, dell’amicizia, della bellezza, dell’impegno sociale e del giornalismo, raccontando storie di uomini e di donne che si impegnano quotidianamente al di là di ogni lingua e confine, oltre i ruoli. In tre anni, superando i nostri limiti, abbiamo raccolto testimonianze, ricordato Cristiana come forse sarebbe piaciuto anche a lei e raccontato un mondo straordinario”.

Alle 21 tutti in piazza Castello per la cerimonia di apertura. Marina Turco di Tgs, l’emittente di cui Cristiana era un volto noto e apprezzato, presenterà la serata che partirà con la sigla della manifestazione e un video-ricordo di Cristiana. Presenti il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello e altre autorità. Alle 21 .30 ecco il consueto momento dedicato al teatro. Dopo la Trilogia del naufragio di Lina Prosa, quest’anno tocca a “Da questa parte del mare” di Gianmaria Testa con Giuseppe Cederna, regia Giorgio Gallione, una produzione Produzioni Fuorivia / Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale. Un racconto dei grandi movimenti di popolo di questi anni, un viaggio struggente, lirico e ruvido, per storie e canzoni, sulle migrazioni umane. 
Cederna: “Lampedusa è la protagonista dello spettacolo, quasi un personaggio, un compagno di scena. Ho incontrato ieri l’isola per la prima volta e la prima tappa del mio pellegrinaggio in motorino è stata la Porta d’Europa. Mi sento al centro del mondo, mi sono svegliato di ottimo umore perché questo luogo riesce a mettere insieme bellezza, vacanza, accoglienza, umanità. Non vedo l’ora di essere sul palco domani sera: fosse per me andrei in giro come un uomo-sandwich per invitare tutti a vedere lo spettacolo che racconta storie di umanità, alcune delle quali mi coinvolgono personalmente. Domani sarò al posto giusto per la mia storia di attore e di uomo”. 

Lo sport, la comicità, il convegno e la premiazione saranno al centro della seconda e  terza serata.

“Lampedus’amore” è organizzata con il patrocinio di Parlamento europeo, Camera dei Deputati, Regione siciliana-Assessorato Turismo Sport e Spettacolo, Comune di Lampedusa e Linosa, Comune di Palermo, Teatro Massimo, Coni, Ordine nazionale dei giornalisti, Ordine dei giornalisti di Sicilia, Federazione nazionale della Stampa italiana, Assostampa siciliana e di Palermo, Unione Stampa sportiva italiana.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Partner della manifestazione: Caronte&Tourist, Conad, DAT, Gesap, Kia, Mandrarossa, Newtron Group, Oranfrizer, Sicilia Outlet Village, Un mare d’arte, Unicredit.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento