L'appello di don Marco: "Strade come cimiteri, politici facciano qualcosa"

Il parroco: ""Gli incidenti stradali? E’ un argomento che mi tocca da uomo, da prete e da cittadino"

“Basta morti innocenti”. A parlare è don Marco Damanti parroco della chiesta “Pietro e Paolo” di Favara. Un prete di mille battaglie e da sempre impegnato in prima linea.

“Abbiamo le strade peggiori di quelle del terzo mondo”. Questo l’appello del parroco al quotidiano La Sicilia e rivolto alla classe politica: “Gli incidenti stradali? E’ un argomento che mi tocca da uomo, da prete e da cittadino. Dopo gli scontri mortali i politici hanno detto delle frasi fatte. Parlare dopo la disgrazia non ha senso. Queste arterie sono inadatte da anni. Se facciamo una verifica le nostre strade sono diventati cimiteri, quante croci per ricordare. I lavori dell’Anas dura una vita, come la Caltanissetta – Agrigento. Paghiamo le tasse per cosa? Chi prende i soldi? La politica deve intervenire, basta morti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento