Mancato pagamento indennità a dirigente, condannata l'Asp

Dovrà versare 10mila euro: aveva sostenuto di non poter liquidare l'indennità a causa della mancata operazione di graduazione delle funzioni

(foto ARCHIVIO)

Il Tribunale di Agrigento sezione Lavoro, accogliendo le tesi dell'avvocato Margherita Bruccoleri, ha condannato l'Asp a risarcire un suo dirigente medico, a corrrispondere la somma di 10mila euro circa, oltre interessi e spese legali, per un danno da "inadempimento contrattuale".

Più precisamente, l'Asp di Agrigento avrebbe dovuto corrispondere in favore dirigente medico, un importo a titolo di indennità di posizione variabile aziendale, così come previsto dal contratto. Tuttavia l'Asp ha precisato di non avere potuto liquidare la predetta indennità a causa della mancata operazione di graduazione delle funzioni, pesatura e di altre operazione propedeutiche in tal senso. 

L'avvocato Bruccoleri ha dimostrato che la corresponsione dell'indennità agli aventi diritto è oggetto di un obbligazione contrattuale il cui omesso adempimento è fonte di responsabilità. Il Tribunale di Agrigento sezione Lavoro, condividendo la tesi difensiva ha condannato l'Asp di Agrigento al risarcimento del danno in favore del medico, nella misura di circa 10mila euro oltre interessi e spese legali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Col passato ho chiuso e studio per diplomarmi", ex braccio destro del boss chiede di tornare libero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento