Mancato pagamento indennità a dirigente, condannata l'Asp

Dovrà versare 10mila euro: aveva sostenuto di non poter liquidare l'indennità a causa della mancata operazione di graduazione delle funzioni

(foto ARCHIVIO)

Il Tribunale di Agrigento sezione Lavoro, accogliendo le tesi dell'avvocato Margherita Bruccoleri, ha condannato l'Asp a risarcire un suo dirigente medico, a corrrispondere la somma di 10mila euro circa, oltre interessi e spese legali, per un danno da "inadempimento contrattuale".

Più precisamente, l'Asp di Agrigento avrebbe dovuto corrispondere in favore dirigente medico, un importo a titolo di indennità di posizione variabile aziendale, così come previsto dal contratto. Tuttavia l'Asp ha precisato di non avere potuto liquidare la predetta indennità a causa della mancata operazione di graduazione delle funzioni, pesatura e di altre operazione propedeutiche in tal senso. 

L'avvocato Bruccoleri ha dimostrato che la corresponsione dell'indennità agli aventi diritto è oggetto di un obbligazione contrattuale il cui omesso adempimento è fonte di responsabilità. Il Tribunale di Agrigento sezione Lavoro, condividendo la tesi difensiva ha condannato l'Asp di Agrigento al risarcimento del danno in favore del medico, nella misura di circa 10mila euro oltre interessi e spese legali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento