"Troppe distrazioni", la proposta: "Niente cellulari o tablet in Consiglio"

Il consigliere: "Ritengo che il divieto di utilizzarli in aula potrebbe contribuire ad un migliore svolgimento dei lavori"

Troppe distrazioni durante i lavori dei consigli comunali. Lo ha fatto notare uno dei componenti dell’aula "Falcone e Borsellino", il consigliere dell’Udc Salvatore Giudice, secondo il quale l’aberrante utilizzo di telefoni cellulari ed altre apparecchiature elettroniche quali smartphone, tablet, notebook e similari toglie l’attenzione dai punti da trattare, spesso di notevole importanza. 

Nei giorni scorsi ha presentato una richiesta al presidente dell’assise cittadina, Salvatore Di Naro, chiedendo di inserire all’articolo 61 del «Regolamento per il funzionamento del consiglio comunale» e avente come rubrica «Comportamento dei consiglieri», un ulteriore comma, il sesto, per proibire l’uso dei nuovi sistemi di comunicazione. "Ritengo che il divieto di utilizzarli in aula potrebbe contribuire ad un migliore svolgimento dei lavori" - ha detto al Giornale di Sicilia - . Lo stesso divieto verrebbe esteso anche ai componenti della giunta municipale e al sindaco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento