Allarme incendi, la Uil: "Servono punti di accesso idrico per le emergenze"

Acquisto e Plicato: "L'abbeveratoio di Casteltermini è interdetto al Comune per un contenzioso con Girgenti Acque"

La Uil di Agrigento interviene con Gero Acquisto e Peppe Plicato sulla difficile situazione che si è creata in provincia di Agrigento per arginare la problematica incendi.

IL VIDEO. Vasto incendio devasta il bosco di Casteltermini

"Il rischio - dicono - nasce dalla mancanza di punti d’appoggio per l’approvvigionamento idrico in caso di incendio, tant’è vero che il serbatoio, l’abbeveratoio che gestisce Girgenti Acque è interdetto al Comune di Casteltermini per un mancato pagamento di bollette dopo l’installazione del contatore, questo comporta per i vigili del fuoco e le squadre dei forestali un ostacolo in caso di emergenze".

In azione anche un elicottero dell'aeronautica

I due sindacalisti aggiungono: "Gli idranti di appesamento nel centro abitato sono stati chiusi dal gestore privato e ha lasciato in caso di calamità il paese scoperto. Una cosa è chiara, si deve trovare una soluzione prima che altri incendi  possano distruggere il bosco e creare incolumità ai cittadini. Per tutto ciò si devono potenziare le fonti di approvvigionamento per le emergenze concludono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento