Asilo di via Esseneto, il Comune "resuscita" il progetto di Moncada

L'ente intende partecipare ad un bando regionale per il recupero di due strutture, tra cui quella vicina alla scuola "Castagnolo"

L'asilo di via Esseneto

Giaceva da anni inutilizzato, senza che coloro che lo avevano ricevuto in "dono" lo avessero mai messo a frutto. Oggi però il progetto di consolidamento strutturale dell'asilo abbandonato di via Esseneto potrebbe tornare in "vita".

Lo ha annunciato nei giorni scorsi l'assessore all'Istruzione Nino Amato, il quale, rispondendo ad un quesito del Question time del consigliere Marcella Carlisi ha spiegato che l'Ente parteciperà ad un bando sul recupero di strutture per asili nido realizzato dalla Regione Sicilian portando appunto avanti il progetto fatto realizzare più di 6 anni fa dalla fondazione "AgireInsieme" ma mai usato dal Municipio.

L'asilo è chiuso ormai da oltre un decennio per problemi strutturali. Nel tempo è stato più volte saccheggiato e danneggiato.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Perquisizioni sulla "Sea Watch 3" e comandante sotto torchio: "Rifarei tutto quello che ho fatto"

  • Cronaca

    Girgenti Acque sempre più indebitata: l'Ati punta a incassare oltre 830mila euro

  • Cronaca

    "Il corpo era devastato, non c'è stato il tempo di salvarlo": racconto choc di un soccorritore

  • Cronaca

    "Non si fece corrompere dal vivaista con quaranta palme", assolto l'ex presidente D'Orsi

I più letti della settimana

  • Colta da un malore improvviso: muore dirigente scolastico di Palma di Montechiaro

  • Incidente sul lavoro a Palma di Montechiaro, colpito dalla benna di una ruspa: muore operaio di 57 anni

  • Piero Barone canta a Tokyo, "Il Volo" top nella classifiche in Giappone

  • Parroco di Lampedusa "sfida" via Twitter Salvini: "Ti affido alla Madonna di Porto Salvo"

  • La patente NCC: cos'è e come si ottiene

  • L'incidente mortale sul lavoro a Palma di Montechiaro, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento