“Lo spreco alimentare, se lo conosci lo eviti”: nuovo progetto del Rotary club

I giovani sono stati invitati a riflettere sul paradosso che nel mondo si butta un terzo di tutto il cibo prodotto

Oggi un’ulteriore tappa del progetto nazionale del Rotary “Lo spreco alimentare, se lo conosci lo eviti”.

I giovani erano stati invitati a riflettere sul paradosso che nel mondo si spreca 1/3 di tutto il cibo prodotto e più della metà del cibo sprecato viene gettato via nelle nostre case. Le scuole hanno ricevuto un opuscolo destinato ai ragazzi che ognuno ha portato a casa per condividere il progetto con i familiari.

Successivamente il “Premio Timineri” con il tema “Cibiltà, usiamo il cibo civilmente”, che ha riscosso una grande successo, grazie ai dirigenti scolastici e ai docenti che hanno coinvolto attivamente i ragazzi al progetto.

All’Istituto Comprensivo “Esseneto” il Rotary Club Agrigento è riuscito ad implementare il progetto nazionale, con la creazione di un orto didattico in uno spazio all’aperto dedicato - aula verde - dove i giovani hanno preso consapevolezza di non sprecare il cibo attraverso la metodica dell’imparare facendo e sviluppato competenze di cittadinanza globale.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento