A Casteltermini la posta di Babbo Natale, una cassetta per le letterine dei bambini

È dedicata agli alunni dell’istituto comprensivo De Cosmi. Gli studenti si sono esibiti in canti tradizionali natalizi

Torna la “Posta di Babbo Natale”. Allegria e tradizione per i bimbi di Casteltermini per esprimere desideri, speranze e richiedere doni in vista della festività più amata.

Per la raccolta delle letterine Poste Italiane ha dedicato ieri ai più piccoli dell’istituto comprensivo  De Cosmi una speciale cassetta  allestita presso l’ufficio postale di Casteltermini, piazza Giuseppe Mazzini, diretto da Giuseppa Modica, riconoscibile grazie alla decorazione con l’immagine di Babbo Natale. Tutte le letterine impostate verranno raccolte dai “Postini di Babbo Natale” che le indirizzeranno al Polo Nord, dove l’amato vecchietto giramondo provvederà ad inviare a tutti una risposta personalizzata.

Fra le tante iniziative natalizie, Poste Italiane ha organizzato un evento con 30 alunni dell’istituto De Cosmi, di piazza Mazzini, a Casteltermini. Durante l’incontro i bambini hanno letto le loro letterine e le hanno imbucate nella cassetta natalizia; da lì i “Postini di Babbo Natale” le hanno raccolte per la consegna allo speciale destinatario.

Gli alunni si sono esibiti eseguendo canti tradizionali natalizi e riscuotendo gli apprezzamenti e  un grosso applauso dal pubblico. Poi i bimbi hanno letto le loro letterine. Tra i tanti desideri, un bimbo di otto anni ha già le idee chiare su cosa desidera ricevere per Natale: una sorellina o un cane morbido. 
Hanno partecipato all’evento l’assessore alla Cultura, turismo e spettacolo, Claudia Di Gregorio, il comandante dei V.V. Giuseppe Strano, l’addetto al comando stazione dei carabinieri, Ignazio Infantino e il Dirigente della scuola Giuseppina Morreale. 
C’è un’altra novità per tutti i bambini  che scriveranno a Babbo Natale, saranno i protagonisti di una vera e propria “missione”. La migliore amica di Santa Claus, la renna Matilda, sta cercando di salvare gli animali in via d’estinzione e tutti i bambini potranno aiutarla giocando con l’app dedicata, scaricabile gratuitamente dagli store Google Play e Apple Store. Nella risposta di Babbo Natale i bambini riceveranno le istruzioni per partecipare al gioco insieme ad una sorpresa: gli stickers a tema e il distintivo di “amico di Babbo Natale” da applicare a caldo sui vestiti.

Ogni anno Poste Italiane riceve e smista migliaia di letterine che i bambini inviano a Babbo Natale con i più svariati indirizzi di fantasia, assicurando loro una risposta personalizzata. Di anno in anno il fascino di una tradizione antica si rinnova grazie all’entusiasmo di tutti, testimoniato dal numero crescente di lettere spedite: dalle 40.000 del 1999 alle 130 mila del 2017. Anche per il Natale 2018 si prevede un elevatissimo volume di corrispondenza destinata a Babbo Natale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera, infatti, continua a rappresentare uno dei momenti più belli del Natale, una consuetudine che Poste Italiane sostiene promuovendo il piacere della scrittura come strumento espressivo sia nella sua forma tradizionale sia nelle sue evoluzioni digitali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento