I documenti obbligatori da tenere in auto

L'elenco dei documenti che non possono mancare nel cruscotto della nostra vettura e le eventuali sanzioni in cui si incorre

Quante volte vi è capitato di vedere sbucare la terribile paletta del posto di blocco e sentire la famosa frase...Buonasera, patente e libretto grazie!...Ebbene si, è l’incubo di tutti gli automobilisti, essere fermati dalle forze dell’ordine e non avere i documenti in ordine per passare incolumi al controllo.

Vediamo allora cosa è obbligatorio tenere nel cruscotto della nostra auto per non incorrere in multe e sanzioni.

Documenti obbligatori

La carta di circolazione: anche chiamata "libretto di circolazione", è il documento che viene rilasciato dalla Motorizzazione Civile e riporta le caratteristiche tecniche del veicolo. E’ quella che potremmo definire la carta d’identità della nostra automobile e dunque imprescindibile dal controllo delle forze dell’ordine.

La patente di guida, in corso di validità e adatta al tipo di veicolo che si guida. Nel caso in cui si stia conseguendo la patente, è necessario avere l'autorizzazione ad esercitarsi alla guida, ovvero il foglio rosa, un documento di identità ed essere accompagnati da una persona che abbia ruolo di istruttore, con regolare patente di guida al seguito;

Il certificato di assicurazione, che deve essere tenuto sempre nel cruscotto per evitare il furto dei dati, mentre è decaduto l'obbligo di esporre sul parabrezza il tagliando dell’assicurazione Rc-Auto. Il certificato di assicurazione sarà utile per compilare il modulo CAI in caso di un incidente o su verifica dalla Polizia, nel caso in cui la polizza sottoscritta non compaia ancora nel database Sita.

Sanzioni per guida senza documenti in auto

Ma cosa succede se si viene colti a circolare senza documenti auto? Nel caso in cui abbiate dimenticato i documenti a casa, occorrerà pagare una sanzione amministrativa che oscilla tra 41 e 168 euro, ma la multa si inasprisce se poi non si presentano i documenti per verifica presso gli uffici di Polizia: si passa a una somma dovuta tra 419 e 1.682 euro. 
Occorre quindi fare attenzione ad avere in macchina tutti i documenti, ma nel caso in cui avvenga una sbadataggine, è necessario non dimenticare anche di passare a dimostrare di essere effettivamente in regola con la documentazione.

Documenti non obbligatori

Ci sono alcuni documenti che non è più obbligatorio tenere in automobile, e alcuni che è utile avere a portata di mano: 

  • Il Modulo CAI, ovvero il modulo di constatazione amichevole di incidente, non è obbligatorio ma è necessario nel caso in cui vi troviate in un sinistro di lieve entità.

  • Il certificato di proprietà è il documento che attesta lo stato giuridico del veicolo e viene rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Dal 5 ottobre 2015 è diventato digitale, quindi non si avrà più un documento cartaceo, ma si riceverà una ricevuta dell’avvenuta registrazione nel database con il codice di accesso per visualizzare il documento online. Nel caso in cui abbiate ancora il documento cartaceo, è bene conservarlo in casa per ogni richiesta successiva.

  • Il bollo auto, ovvero l'attestato di pagamento della tassa di circolazione del veicolo, non deve più essere esposto dal 1998, ma la ricevuta del versamento deve essere custodita per almeno 3 anni. Non è necessario tenerla in macchina, ma occorre esibirla, anche in un secondo momento, se la Regione ne richiede la verifica.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento