Ripresi gli scavi nell'area del tempio Romano e per il teatro Ellenistico pronti altri 2 milioni

La Valle dei Templi, per tutto l'autunno e fino a quando le condizioni del tempo lo permetteranno, sarà un vero e proprio cantiere a cielo: a metà mese si torna a cercare il teatro

Gli scavi nell'area del santuario Ellenistico-Romano

Le archeologhe sono tornate al lavoro. Dopo lo stop estivo, ieri, sono ripresi gli scavi nell'area del santuario Ellenistico-Romano, nelle vicinanze dell'agorà. A metà mese, riprenderanno quelli - e sarà la seconda campagna di scavi - per riportare alla luce il teatro Ellenistico ed entro la fine di settembre si comincerà con il progetto di ricerca, restauro e fruizione delle Insulae II e IV del Quartiere Ellenistico Romano.

PROGETTO INSERITO NEL "PATTO PER IL SUD" - La Valle dei Templi, per tutto l'autunno e fino a quando le condizioni del tempo lo permetteranno, sarà un vero e proprio cantiere a cielo. Non soltanto, entro metà mese appunto, ricominceranno gli scavi per la ricerca del teatro Ellenistico - scavi possibili grazie ai residui di bilancio, ben 390 mila euro, del Parco - ma c'è già un'altra, determinante, conquista: il nuovo ed ampio progetto del Parco archeologico, presentato alla Regione Siciliana, è stato inserito nei fondi del "Patto per il Sud". Ad Agrigento, dunque, arriveranno 2 milioni di euro per realizzare la terza campagna di scavi, ultimando la ricerca del teatro Ellenistico, ma anche per il restauro delle strutture che emergeranno, nonché per la sistemazione dell'intera area e la creazione di un piccolo sistema di fruizione.

Trovato il doccione del tempio romano, Parello: "E' stata una bella sorpresa"

TEMPIO ROMANO - "Sono ripartiti gli scavi nell'area del santuario Ellenistico-Romano, nelle vicinanze dell'agorà, - ha confermato il direttore del Parco Giuseppe Parello - . Fino ad ora, nei due passati mesi di scavi, oltre alla protome leonina che, probabilmente, era posta nell'architrave del portico che contornava il tempio romano, sono stati ritrovati diversi elementi architettonici dello stesso porticato. Pezzi di cornici, di modanatura che sono collassati e che poi vennero ricoperti dall'imponente strato di discarica che è successiva al periodo tardo antico. Si tratta di elementi architettonici che, a scavi completati, potranno certamente essere utilizzati per l'anastilosi del portico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occhi puntati sull'antica discarica 

QUARTIERE ELLENISTICO ROMANO - "Entro il mese, giusto il tempo di fare il contratto dopo l'iter di aggiudicazione, - ha aggiunto il direttore Parello - partiranno anche i lavori per la ricerca, il restauro e fruizione delle Insulae II e IV del Quartiere Ellenistico Romano". L'importo totale del progetto - fondi Pon "Cultura e Sviluppo Fers 2014-2020" - è, in questo caso, di 3.960.000 euro. Questi nuovi scavi riguarderanno anche la quarta Insulae del quartiere Ellenistico-Romano, laddove sono state trovate le terme

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • Nuovo focolaio da Coronavirus? Firetto sbotta: "Agrigento è Covid free da almeno 2 mesi"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento