Residui di "sbarchi fantasma" e degrado, agrigentini ripuliscono l’arenile

Piuttosto che attendere "miracoli" dall'alto, hanno deciso di rimboccarsi le maniche e darsi da fare per restituire decoro e dignità ad un rione fino troppo spesso abbandonato e dimenticato

foto archivio

"Armati" di vanghe e badili hanno liberato la strada dalla sabbia che la invadeva. In due giorni, giganti sacchi neri alla mano, hanno eliminato la montagna di rifiuti abbandonati lungo l'arenile. Hanno 20, 19 e 15 anni i tre agrigentini che hanno ripulito, anche dei residuati degli sbarchi "fantasma", le spiagge di Cannatello e Fiume Naro.

Turi Lo Sardo e le sorelle Martina e Marcella Di Marco, ormai stanchi delle condizioni di degrado, della zona balneare di Agrigento, piuttosto che attendere "miracoli" dall'alto, hanno deciso di rimboccarsi le maniche e darsi da fare per restituire decoro e dignità ad un rione fino troppo spesso abbandonato e dimenticato.

Senza riflettori accesi, anzi nel più totale silenzio, i tre giovanissimi hanno rimosso tutte le bottiglie, le lattine, i cartoni e perfino pneumatici e pezzi di mobili che deturpavano la spiaggia di Cannatello. "In due giorni - ha raccontato, ieri, Turi Lo Sardo - abbiamo riempito e gettato una ventina di sacchi neri, stracolmi di rifiuti di ogni genere che vengono abbandonati dagli incivili". I giovani hanno attirato l'attenzione di molti passanti, residenti e turisti e, con un sorriso, hanno accettato i complimenti ricevuti. "Non siamo stati gli unici - ha continuato Lo Sardo - . Anche altri residenti si sono preoccupati di ripulire l’arenile, di togliere le erbacce e di posizionare dei secchi lungo le strade per sopperire all’insufficiente numero di cassonetti". Un tentativo, insomma, per evitare che, ben presto, Cannatello e Fiume Naro vengano invase, di nuovo, dai rifiuti.

"Fra qualche settimana, con la riapertura dei frantoi, il fiume Naro si tingerà di nero poiché illegalmente verranno scaricati i residui delle olive, - spiega Lo Sardo, cercando, di fatto, di richiamare l'attenzione degli organi competenti - . Residui che portano alla morte di flora e fauna mentre nessuno controlla ed evita tutto ciò". I residenti della borgata si indignano e si dicono profondamente offesi da tutti gli irrispettosi che deturpano l’ambiente. E allo stesso tempo si sentono abbandonati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le strade sono costellate da buche e voragini, oppure sono sommerse da sabbia, erbacce ed immondizia - prosegue il giovane agrigentino - . L’illuminazione è scarsa, zanzare, topi e cani randagi regnano sovrani. Da anni, si attendono i lavori alla piccola rotatoria di piazza Camillo Trampolini, al muro di contenimento del lungomare di via Farag e all’area sportiva adiacente di via Saverio Cavallari. Altre due vecchissime promesse elettorali erano state collegare San Leone a piazza Camillo Trampolini, attraverso il prolungamento di circa 700 metri del viale delle Dune, e poi creare una strada che porta dalla rotatoria tra viale Magellano e viale Cannatello alla rotatoria della Mosella per evitare l’eccessivo traffico che si crea sempre in viale Cannatello e al Villaggio Mosè. La borgata di Cannatello Fiumenaro, se fosse curata, potrebbe attirare - conclude il giovane agrigentino - molti più turisti e giovani, favorire un maggiore sviluppo economico con la costruzione di percorsi e pontili pedonali per arrivare alle spiagge di Zingarello e Punta Bianca".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento