Successo per il premio "Giuseppe Serroy", la Cna promotrice dell'evento

La manifestazione si è aperta con l’esibizione del gruppo folkloristico "Città di Agrigento".La conduzione della serata è stata affidata al giornalista Raimondo Moncada. I primi ad essere chiamati sul podio sono stati gli over 60: sul gradino più alto è salita Baldanza Iacono di Agrigento con la poesia "Paisi miu"

Al centro della già in fiore Valle dei Templi, in uno dei locali più belli e caratteristici, "Lo Stoai", si e’ svolta la cerimonia di premiazione del primo concorso di poesia in lingua siciliana dedicato a “Giuseppe Serroy” poeta, studioso delle tradizioni popolari, saggista, nonché medico, scienziato, politico anti-borbonico, patriota e fautore dell’Unita’ d’Italia.

L’iniziativa è stata promossa dalla Cna Pensionati di Agrigento che, a partire dai primi di novembre 2014, aveva elaborato e messo in rete il regolamento nel quale erano previste due sezioni: over 60 e under 60 per mettere a confronto generazioni diverse sul modo di fare poesia in lingua siciliana. All’appello hanno risposto oltre 20 concorrenti, provenienti da tutta la Sicilia e non solo. Alla cerimonia della premiazione, tanto attesa, hanno preso parte personalità del mondo della cultura, della politica, del sindacato, nonché dei rappresentanti del Cupla. 

La manifestazione si è aperta con l’esibizione del gruppo folkloristico "Città di Agrigento". Poi sono intervenuti: Enzo Alessi, giornalista, attore e operatore culturale, Lia Spallino segretario della Cna Pensionati, Mimmo Randisi  presidente della Cna, Piero Giglione segretario della Cna e Francesco Curaba presidente provinciale della Cna Pensionati. 

La conduzione della serata è stata affidata al giornalista Raimondo Moncada. I primi ad essere chiamati sul podio sono stati gli over 60: sul gradino più alto è salita Baldanza Iacono di Agrigento con la poesia "Paisi miu", al secondo posto si è classificata Maria Stella Filippini di Ravanusa, con la poesia "Pusaridi nni li mani lu pani" e in terza posizione è arrivato Carmelo Ferraro di Cianciana con la poesia "Un fattu stranu".

Prima di procedere alla premiazione degli under 60, spazio all’artista Nino Severoli, il quale  ha divertito i presenti con le sue originali interpretazioni di canti, motti e detti popolari.Per la sezione under 60, il primo premio è andato alla comitinese Valeria Salvo, con la poesia  "Chiummu di chiantu Pisa sta bibblici" il secondo,  ex equo, è stato assegnato a Davide Rocco Colacrai, di Arezzo, con la poesia "Lu mari ca si ripeti" e a Silvia Cusumano, di Milano, con la poesia "Cantu li chiuri di mennula", mentre il terzo premio è stato conferito a Stella Cammillieri, di Agrigento, con la poesia "Quant'anni". 

Altre sette "targhe al merito" sono state consegnate ai seguenti poeti: Pietro Taormina di Sambuca di Sicili, Maria Panepinto di Bivona, Benedetta Caruso di Canicatti, Calogero Salseto di Agrigento, Carmelo Vizzi’ di Licata, Lorenzo Maltese di Raffadali,  Calogero Riolo di Agrigento. 

Dopo la consegna delle targhe è intervenuto il poeta Enzo Argento che ha recitato, alcune delle sue più belle liriche, mettendo ancora in evidenza  le sue alte qualità e doti  di poeta in lingua siciliana. A chiusura della manifestazione il gruppo folk "Città di Agrigento" si è esibito con danze e canti popolari nella grande hall dello Stoai anticipando così la magica kermess del Mandorlo in fiore. La direzione artistica dell’Accademia Teatrale di Sicilia .

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento