Al museo Civico di Santo Spirito mostra dell’artista Emanuele India

  • Dove
    Museo civico
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 15/09/2014 al 14/11/2014
    Dalle 9 alle 13
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Lunedì 15 settembre 2014 alle 18 presso museo civico di Santo Spirito, il Commissario Straordinario del Comune di Agrigento  Luciana Giammanco e la direttrice del museo archeologico di Agrigento Gabriella Costantino, inaugureranno la mostra Il visibile è l’invisibile di Emanuele India. 
La mostra, realizzata presso il complesso monumentale di Santo Spirito è organizzata dal Comune di Agrigento e dal museo Archeologico Regionale di Agrigento con il patrocinio del museo diocesano e dell’Università di Palermo.

Saranno presenti, inoltre, Salvatore Giglione - dirigente dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali, Don Giuseppe Pontillo del Museo Diocesano di Agrigento ed Elisa Chiara Portale dell’Università di Palermo. L’arte di Emanuele India, nasce con l’uomo, dalla sua esigenza di comunicare non un  linguaggio diretto, gestuale o verbale rivolto a fini pratici, bensì capace di attivare soprattutto i livelli emotivi, suscitando il desiderio di riconoscere o di essere riconosciuti.

Nel libro –in particolare in quello antico- si congiungono due nature: una intellettuale, che presenta e veicola il pensiero dell’autore (il consueto oggetto di attenzione); un’altra materiale, meno indagata, quella che trasmette informazioni sulle tecniche produttive e di lavorazione proprie del tempo in cui il manufatto fu realizzato: dalla carta inchiostrata di caratteri, all’impaginazione e, nel caso delle legature, dalle tecniche di lavorazione di cuoio, pelli e pergamene, a quelle di impressione dei fregi e delle dorature. 

È da questa attenta e precisa analisi che scaturisce l’apprendimento e la conoscenza per creare il procedimento attraverso il quale realizzare il “Mandala”, eseguito meticolosamente a mano. La tecnica e la materia prima impiegata, e il processo produttivo, identificano la produzione artistica, legata strettamente alla storia della tradizione siciliana.

 L’opera è realizzata su supporto ligneo in massello tornito a mano di forma circolare e ricoperto in pelle di vitello a concia vegetale al tannino. La decorazione è eseguita con punzoni a caldo, cesellata e sbalzata a bulino. Il campo è dorato con oro zecchino e dipinto con pigmenti colorati naturali fissati con resine. L’artista nasce a Palermo (dove vive e opera) nel 1960, si avvicina all’arte da autodidatta cercando di tradurre le proprie intuizioni in un lavoro che dà vita alla sua appassionata propensione alla materia e alla manualità. 

Emanuele India è un artista/ artigiano dedito a elaborare e far rivivere le tecniche antiche impiegate nella produzione artistico/ letteraria, legata alla storia e alla tradizione della Sicilia. Le sue opere sono frutto di una lavorazione meticolosa e certosina su pezzi di cuoio applicati su supporti di legno circolare; su questi incide sigilli da lui stesso realizzati e resi incandescenti dal fuoco. La mostra resterà aperta dal 15 settembre al 14 novembre 2014 con apertura al pubblico il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13 e il martedì e giovedì dalle  9 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • La musica di Mario Venuti riparte dalla Valle dei Templi, l'artista in concerto

    • dal 11 agosto al 11 luglio 2020
    • Valle dei Templi
  • FestiValle, via all'edizione 2020: all'evento i Kokoroko

    • dal 3 al 9 agosto 2020
    • Valle dei Templi
  • "Isola senza catene", la Cgil torna in piazza: ecco dove si terrà l'incontro

    • solo oggi
    • Gratis
    • 7 luglio 2020
    • Aula convegni “Emanuela e Giovanni Ragusa”
  • "Tracciabilità ed etichettatura dei prodotti ittici, dalla pesca al consumatore": incontro alla Confcommercio

    • solo oggi
    • Gratis
    • 7 luglio 2020
    • Confcommercio, sala Convegni Confcommercio  (secondo piano)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento