"Decalogos tour" a Favara per il caso "Farm cultural park"

Il "Decalogos Tour" ideato ed organizzato dall'associazione culturale ItiMed approda a Favara per analizzare "il caso Farm Cultural Park"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

In occasione del secondo seminario del "Decalogos Tour", l'associazione culturale ItiMed si sposta nella provincia agrigentina per raccontare un esperimento di grande successo in termini turistici, attrattivi e culturali: "Il caso di Farm Cultural Park: un esempio da imitare" è il tema dell'incontro che si terrà domani, mercoledì 22 aprile a Favara, presso il Cortile Bentivegna alle 17:30.

"L'esperimento di Favara - spiega l'architetto Antonella Italia, presidente di ItiMed, riferendosi al primo spazio dell'innovazione culturale e sociale dell' isola - rappresenta una modalità vincente di attività artistica ed imprenditoriale in un territorio poco noto ai viaggiatori: è per questo che ci interessa comprendere come sia stato possibile delineare un approccio di tale successo e se esistano le condizioni per renderlo estensibile ad altri modelli territoriali".

In effetti, Farm Cultural Park è di certo un caso anomalo nel panorama isolano: persino il rigorosissimo blog britannico Purple Travel ne ha tessuto le lodi, per non parlare delle recensioni entusiastiche di chi lo visita; come si legge nel sito, esso nasce quale galleria d'arte e residenza per artisti e si sviluppa con l'obiettivo, davvero ambizioso, di essere "un pezzo di mondo migliore, una piccola comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere".

Ad illustrare il felice esperimento saranno gli stessi ideatori , i coniugi Florinda Saieva ed Andrea Bartoli, rispettivamente avvocato e notaio di professione, fondatori della Farm nel 2010.

Nutrito il parterre dei relatori dell'incontro, moderato dalla giornalista Marianna La Barbera; molto folta, in particolare, la presenza degli architetti , a partire da Massimiliano Trapani e Francesco Miceli, alla guida degli Ordini professionali della categoria rispettivamente ad Agrigento e a Palermo; previsto anche l'intervento di Fausto Giambra, architetto e presidente dell'associazione IDEA, della stessa Antonella Italia e del collega Ferdinando Trapani , professore associato di Urbanistica presso l'UNIPA.

Contributi di Caterina Greco, soprintendente ai BB CC AA di Agrigento e di Nino Sutera, direttore della Libera Università Rurale dei Saperi e dei Sapori Onlus.

A chiudere i lavori sarà Giovanna Gebbia, responsabile del marketing per ItiMed.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento