"Riflessi di tempo", si chiude la rassegna cinematografica nella Valle dei Templi

Maresco, Piavoli e Agosti: "La qualità dell'offerta culturale proposta dall'associazione 'Gli Asinelli' ha senza dubbio colpito il pubblico". Il direttore artistico Picarella: "Ora è tempo di riportare un festival del cinema ad Agrigento"

La sala all'aperto nella Valle

Successo e partecipazione attiva per “Riflessi di tempo”, la rassegna cinematografica che si è svolta nella Valle dei templi di Agrigento dal 12 al 14 settembre. Dopo la proiezione dell’ultimo film in programma, ieri sera, le persone presenti nella sala all’aperto allestita ai piedi del tempio di Giunone, si sono intrattenute fino a tardi con il regista Silvano Agosti in un dibattito appassionato sull’amore e sulla tenerezza.

Un momento oltre che di vera cultura, di pura bellezza alla Valle dei templi. La qualità dell’offerta culturale della terza edizione della rassegna, organizzata dall’associazione “Gli Asinelli” e promossa dal Parco archeologico, ha senza ombra di dubbio interessato profondamente il pubblico.

Lunedì sera Franco Maresco con “Gli uomini di questa città io non li conosco” ha fatto conoscere ai presenti una figura sconosciuta a molti, il drammaturgo palermitano recentemente scomparso Franco Scaldati. La seconda serata, con il “Pianeta azzurro” di Franco Piavoli, ha portato alla Valle un cinema completamente diverso dal prodotto cinematografico di massa a cui il pubblico è abituato, trasportandolo in un viaggio tra i suoi della natura. E infine ieri Silvano Agosti con le sue parole dirompenti e con il capolavoro “D’amore si vive” ha destabilizzato la platea parlando dell’umanità, della sensualità, dell’amore con il suo linguaggio, nuovo e diverso.

“Il nostro obiettivo – ha affermato soddisfatto Leandro Picarella, direttore artistico di 'Riflessi di tempo' rivolgendosi al pubblico – era proprio quello di regalarvi un momento di cultura, di lasciarvi qualcosa di nuovo addosso questa sera. È un peccato che nessuno delle istituzioni sia presente oggi per comprendere quanto l’agrigentino abbia fame di cose nuove. L’offerta culturale cinematografica, rappresenta oggi una realtà concreta anche di indotto economico per il territorio, ora è tempo dopo tanti anni di riportare un festival del cinema ad Agrigento”. 

Soddisfatto anche il direttore dell’Ente Parco, Giuseppe Parello: “La Valle dei templi non è soltanto luogo di cultura monumentale, ma luogo in cui si fa e si vive la cultura. Oltre alla rassegna la novità di quest’edizione è poi la realizzazione di un documentario finale con le interviste degli autori ospiti, un modo per promuovere la Valle in modo originale e innovativo”.

La rassegna “Riflessi di Tempo”, che quest’anno è stata sostenuta dai partner Orestiadi Vini, cantina di Gibellina (Trapani) e Spazio Temenos di Agrigento, dà dunque appuntamento al prossimo anno, affermandosi ormai come momento importante dell’offerta culturale della città.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento