Carico fiscale per le imprese, Agrigento 111esima in tutta Italia

Lo studio della Cna ha rilevato come sia comunque migliorata la situazione rispetto all'anno precedente

(foto ARCHIVIO)

Peso delle tasse sulle imprese Italiane, ad Agrigento uno dei risultati peggiori in Italia. Secondo lo studio della Cna nazionale "Comune che vai fisco che trovi”, su 141 comuni analizzati, la città die templi si è piazzata 111esima, guadagnando rispetto allo scorso anno quasi 1 punto e mezzo percentuale sul terreno del carico fiscale, che è passato infatti dal 63% al 61,6.

E per effetto domino, prodotto dal segno positivo del “Total Tax Rate”, si accorciano i tempi sul fronte del “Tax Free Day”, cioè il giorno dell’anno nel quale l’imprenditore smette di lavorare per l’ingombrante “socio fiscale” e comincia a lavorare per sé e per la propria famiglia. Agrigento si libera della “ghigliottina fiscale” il 12 agosto: cinque giorni in meno in riferimento al 2018 quando l’atteso spartiacque era fissato per il 17 agosto Concretamente tutto questo determina che l’artigiano agrigentino è costretto a faticare 225 giorni per pagare i tributi e 140 giorni per i consumi familiari. Si tratta del settimo risultato nazionale.

“Registriamo segnali positivi che ci fanno ben sperare – affermano i vertici cittadini e provinciali della CNA - ma servono azioni più incisive per alleggerire ulteriormente questa forte pressione fiscale che rappresenta un freno per la crescita e lo sviluppo della nostra anemica economia. Per quanto di ci riguarda – aggiungo il presidente provinciale Francesco Di Natale, quello di Agrigento, Emanuele Farruggia, e il segretario Claudio Spoto – faremo a pieno la nostra parte, avviando subito momenti di confronto e di interlocuzione con le amministrazioni locali per individuare e, ove possibile, azionare le leve di alleggerimento dei tributi che colpiscono pesantemente il nostro tessuto produttivo. Se oggi infatti si sono ottenuti dei risultati favorevoli, come dimostra il Rapporto 2019, è perchè la CNA, tramite la Governance nazionale, - concludono Di Natale, Farruggia e Spoto - ha chiesto e portato a casa l’innalzamento al 50% della deducibilità Imu sugli immobili strumentali, introdotta dalla Legge di Bilancio 2019”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • "Sparano sulla slot machine e rapinano il bar": arrestato un 33enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento