"Sicilia in bolle 2019": numeri record per un'edizione riuscita

Un migliaio di partecipanti provenienti da diverse parti di Sicilia, più di 1200 bottiglie aperte, 42 cantine siciliane presenti e 4 masterclass sold out che hanno visto la partecipazione di circa 200 degustatori

Un migliaio di partecipanti provenienti da diverse parti di Sicilia, più di 1200 bottiglie aperte, 42 cantine siciliane presenti e 4 masterclass sold out che hanno visto la partecipazione di circa 200 degustatori: sono questi alcuni dei numeri dell’edizione record di Sicilia in Bolle.
Il sentore che per la quinta edizione si potessero registrare numeri ancora più importanti rispetto agli anni precedenti era stato già percepito alla vigilia dell’evento, considerando le numerose prenotazioni arrivate attraverso il portale www.siciliainbolle.it, ma il bilancio conclusivo va anche oltre le aspettative annunciate.

Grande soddisfazione è stata espressa dalla delegazione AIS Agrigento per la riuscita di Sicilia in Bolle 2019: “Siamo felici – afferma Francesco Baldacchino - di aver potuto offrire ai tanti appassionati del mondo del vino, e di bollicine nello specifico, un’occasione in cui poter conoscere nuove realtà, approfondirne altre, confrontarsi e arricchirsi attraverso la realizzazione di momenti differenti spalmati su due giornate, il cui focus è stato incentrato sull’eccellenze nel settore spumantistico.”

All’evento, organizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier Sicilia, di anno in anno sono stati aggiunti nuovi tasselli e nuovi contenuti e i risultati raggiunti indicano che la strada intrapresa risulta vincente: “Credo che il successo di Sicilia in Bolle – sono le parole di Camillo Privitera, presidente AIS Sicilia – sia proprio quello di riuscire ad includere elementi di novità e qualità che accrescano l’attenzione e anche l’interesse verso questa  segmento enologico  che in Sicilia sta vivendo un momento di grande crescita e maggiore consapevolezza; ci sembra doveroso pertanto, anche per dare il giusto riconoscimento a tutte quelle realtà che stanno investendo sulla realizzazione di bollicine siciliane, rendere ancora più alto il livello e innalzare sempre più l’asticella verso l’eccellenza. 

IL CONVEGNO A CASA SANFILIPPO

La kermesse ha preso il via Domenica 30 Giugno a Casa Sanfilippo, sede del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, con il convegno incentrato sul confronto fra due territori a vocazione enogastronomica ed enoturistica: la Sicilia e il Trentino. 
A relazionare sul tema sono stati, oltre ai già citati Francesco Baldacchino e Camillo Privitera, Sabrina Schench, Direttrice dell’Istituto Trentodoc, presente per il secondo anno all’evento; Gregorio Sparacino, Vice Presidente Nazionale dell’Associazione Strade del Vino, Luigi Bonsignore, Presidente della neonata Strada del Vino e dei Sapori della Valle dei Templi, Giuseppe Parello, Direttore del Parco della Valle dei Templi e Calogero Firetto, sindaco di Agrigento. A moderare gli interventi il giornalista Alessandro Torcoli Direttore ed editore della rivista di settore Civiltà del Bere. 
Impossibilitato ad essere presente, a causa di sopraggiunti impegni, il Presidente AIS Italia Antonello Maietta che ha fatto comunque arrivare agli organizzatori e a tutti i presenti la sua partecipazione ed il suo sostegno all’iniziativa.

QUATTRO MASTERCLASS

Molto partecipate le masterclass svolte tra il pomeriggio del 30 Giugno e la mattina del 1° Luglio presso la sala ricevimenti Madison di Realmonte: il via alle degustazioni si è dato con i 30 anni del Metodo Classico dell’azienda Murgo con i produttori Scamacca del Murgo che, insieme all’enologo Vito Giovinco, hanno deciso di festeggiare questo importante traguardo proprio a Sicilia in Bolle attraverso la realizzazione di una speciale verticale con annate storiche dell’azienda; molto interessanti anche gli spunti offerti dalla masterclass incentrata su  sei diversi territori da Metodo Classico siciliano con la degustazione degli spumanti delle aziende Milazzo, Donnafugata, Cusumano, Tasca d’Almerita, Avide e Terrazze dell’Etna. 
Le restanti due hanno aperto gli orizzonti oltre la Sicilia e anche oltre i confini nazionali con Roberto Anesi, miglior Sommelier d’Italia 2017, che è riuscito a catalizzare l’attenzione del pubblico presente attraverso una degustazione di otto diverse etichette trentine realizzate da cantine facenti parte dell’Istituto Trentodoc, e con il Presidente AIS Sicilia Camillo Privitera che lunedì mattina ha chiuso il ciclo masterclass Sicilia in Bolle 2019 con una speciale degustazione di sei tipologie di Champagne.

PREMIAZIONE ALBERTO GINO GRILLO

Nella suggestiva location del ristorante Re di Girgenti, sito sulla strada panoramica dei Templi, la sera del 30 Maggio si è proceduto ad assegnare il Premio Alberto Gino Grillo, nato in questa edizione in ricordo di un sommelier prematuramente scomparso che, insieme a Francesco Baldacchino, è stato fautore e ideatore della manifestazione. 
Ad aggiudicarsi la prima edizione del Premio Alberto Gino Grillo sono state:
L’azienda Funaro con il suo Extra Brut 2013 come miglior Metodo Classico bianco di Sicilia avendo totalizzato il punteggio 88/100 sulla guida Vitae 2019; 
L’Azienda Murgo con l’Extra Brut Rosé 2013 come miglior Metodo Classico rosé di Sicilia, con un punteggio 88/100 su Vitae 2019;
Laura Piscopo come Miglior Neo Sommelier Delegazione AIS Agrigento, avendo totalizzato un punteggio di 94/100.
A premiare i vincitori il figlio di Alberto Gino Grillo, Alfonso Grillo, il quale ha voluto ringraziare la Delegazione AIS Agrigento e AIS Sicilia per il riconoscimento dedicato al padre.

SICILIA IN BOLLE 2019: BOLLICINE E PIATTI GOURMET

Deliziare il palato con le bollicine ma accompagnarle anche a portate gourmet frutto di studio, attenzione alle materie prime, valorizzazione del territorio e grande qualità: il 1° Luglio presso l’incantevole Terrazza degli Dei dell’Hotel 5 Stelle Villa Athena lo chef resident Nino Ferreri insieme allo chef Alessandro Ravanà del ristorante Il Salmoriglio di Porto Empedocle hanno dato vita ad un pranzo speciale a quattro mani nel corso del quale si è riuscito a regalare agli ospiti presenti un’esperienza in cui il connubio tra cibo e vino è stato realizzato nel migliore dei modi: un momento enogastronomico di alto livello.

42 CANTINE PRESENTI AI BANCHI D’ASSAGGIO

Il boom di presenze si è ovviamente registrato la sera del 1° Luglio sempre presso il Madison, luogo incantevole che gode di una spettacolare vista panoramica sulla Scala dei Turchi. Quarantadue le aziende che hanno preso parte ai Banchi di Assaggio, offrendo a degustatori, winelover, giornalisti e addetti ai lavori le loro migliori selezioni di vini spumante Metodo Classico e Charmat. Diverse le aziende che hanno deciso di presentare a Sicilia in Bolle le loro nuove etichette di spumanti Metodo Classico e Charmat: tra queste l’azienda Principi di Butera – rappresentata a Sicilia in Bolle da Francesco Zonin e dall’enologo Antonio Paolo Froio -  con il nuovo Pas Dosé ottenuto da uve di Nero d’Avola vinificate in bianco, 34 mesi sui lieviti: una tiratura limitata di sole 4000 bottiglie; altra novità è stata il Catarillo dell’azienda Luna Sicana: uno spumante metodo Charmat ottenuto con uve 50% Cataratto e 50% Grillo; unico rosso frizzante presente invece in questa edizione è stato il Rosso di Ida dell’Azienda tenute Cuffaro Tenute Casale Santa Ida, ottento da uve di Nerello Mascalese che, come ha affermato lo stesso produttore Salvatore Cuffaro,si pone l’obiettivo di competere con il Lambrusco emiliano. 

“Le bollicine siciliane sono in grande fermento – è il commento del miglior sommelier d’Italia Roberto Anesi, presente anche al momento conclusivo dell’evento – c’è grande voglia di sperimentazione, fondamentale per accrescere le conoscenze e poter puntare a raggiungere risultati di vertice. Questa sera ho potuto assaggiare dei prodotti molto interessanti, altri devono ancora trovare la loro identità ma di certo non manca la passione e l’impegno, caratteristiche fondamentali per raggiungere obiettivi importanti.”

I DIVERSI MOMENTI DELLA SERATA CONCLUSIVA

Le bollicine siciliane in degustazione sono state accompagnate da un ricco buffet curato dello chef Antonio di Caro del ristorante Madison; l’Associazione Sakura si è occupata invece dell’intrattenimento musicale. 
A conclusione degli assaggi di bollicine non poteva mancare l’iconica Sciabolata finale realizzata dai sommelier della Delegazione AIS Agrigento con il conseguente taglio della torta. 
Il party è proseguito con i cocktail a base di Etna Gin dell’Azienda Amacardo e la selezione musicale di Giannino DJ che ha fatto ballare gli ospiti sino a tarda notte. 

A LAVORO PER SICILIA IN BOLLE 2020

Calato il sipario sulla quinta edizione, AIS Agrigento e AIS Sicilia, grazie anche al Sostegno della Presidenza nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier, sono già proiettate verso l’edizione 2020: “ Quello che ci auguriamo, e che in parte è già successo, – hanno dichiarato il Delegato AIS Agrigento e il Presidente AIS Sicilia – è che, attraverso una grande progettualità e il grande lavoro svolto da parte di tutti coloro i quali si occupano della sua organizzazione, Sicilia in Bolle possa diventare in maniera ancora più strutturata, un vero e proprio punto di riferimento ancora più importante, un appuntamento di rilievo nazionale: questa sarà la nostra scommessa, e anche la nostra ambizione, nell’approcciarci alla nuova edizione.”

I diversi momenti della due giorni di Sicilia in Bolle verranno trasmessi anche su Wine TV, canale Sky 815 dedicato al mondo del vino, che ha partecipato alla manifestazione attraverso  la presenza della giornalista Caterina Mataluna e del video maker Andrea Butta.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento