Carenza di personale, sit in dei lavoratori dell’agenzia delle Entrate

I sindacati parlano chiaro: "Così a rischio l’efficacia della lotta all’evasione"

I lavoratori dell'agenzia delle Entrate sono sul piede di guerra. I motivi? Secondo i sindacati del settore si tratterebbe di carichi di lavoro eccessivi, drammatica carenza di personale, mancanza di risorse aggiuntive per dare una effettiva svolta all’attività di repressione dell’evasione fiscale. Sono queste solo alcune delle criticità evidenziate dai coordinamenti provinciali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uilpa, Unsa e Flp, insieme alle Rsu dell’Agenzia delle Entrate e Territorio di Agrigento. Il 23 gennaio, infatti, si terrà un sit in davanti alla sede. 

“Tutto questo – dicono - ha ripercussioni assolutamente negative sulle strategiche attività istituzionali inerenti la lotta all’evasione e sui servizi ai cittadini. Nell’ ambito della vertenza in atto, partita con la proclamazione dello stato di agitazione a livello nazionale, questa direzione provinciale e tutti gli uffici territoriali della provincia (Sciacca, Licata e Canicattì), hanno indetto una serie di assemblee, la prima delle quali si è tenuta oggi nei locali del front-office con una massiccia partecipazione dei lavoratori. Un cammino che culminerà con un presidio fissato in contemporanea in tutta Italia, giorno 23 gennaio dinnanzi in ogni sede delle agenzie fiscali”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • L'incidente mortale di Ravanusa, veglie di preghiera per Federica

  • Pizzo sullo stipendio, dipendente in aula: "Restituivamo i soldi per non essere licenziate"

  • L'assalto in banca con bottino record, il giudice boccia la versione degli indagati: due in cella e uno ai domiciliari

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento