Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lavori per il rilancio del porto Empedoclino, Monti: "Avremo un nuovo volto entro i prossimi due anni"

Il presidente dell’autorità di sistema portuale della Sicilia occidentale: "Un anno per realizzare la stazione marittima"

 

Lo scalo marittimo di Porto Empedocle avrà un nuovo volto grazie con il piano industriale di rilancio che il presidente dell’autorità di sistema portuale della Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, ha illustrato in mattinata al municipio di Vigata. “Abbiamo ereditato una situazione drammatica – dice Monti ai microfoni di AgrigentoNotizie – ma bisogna guardare avanti”. Il presidente dell’autorità di sistema portuale ha dato anche delle scadenze sulla fine prevista degli interventi  in itinere.

Sviluppo e turismo: presentati i progetti per fare rinascere il porto Empedoclino
Sviluppo e turismo: presentati i progetti per fare rinascere il porto Empedoclino

“La stazione marittima – spiega Pasqualino Monti – impiegherà un anno ad essere realizzata. La parte di dragaggio è quella che preoccupa maggiormente perché la legge è molto complessa e, di media, si impiegano dai cinque ai sette anni. Nel molo stiamo già lavorando e immagino che, nell’ottobre del 2020, andrà in gara e quindi, sono quasi convinto che nel giro di diciotto mesi -ventiquattro mesi si possa arrivare alla definizione di un volto nuovo del porto”. La parola d’ordine del tavolo tecnico a cui ha partecipato anche il vice ministro delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri,  è stata “semplificazione della burocrazia”.  L’esponente del Governo Conte, dai microfoni di AgrigentoNotzie specifica: ”Ci interessa poter spendere immediatamente i tanti miliardi di euro che sono disponibili. Qui, ad esempio – ha aggiunto il vice ministro – c’è la circonvallazione di Agrigento, interamente finanziata, ma che ancora non si è vista neanche una ruspa al lavoro perché c’è una parte autorizzativa che è lunghissima”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento