Rilancio della cooperazione economica, si firma alla Valle dei Templi il "patto" fra Italia e Libia

Il forum servirà per esplorare le opportunità nei settori prioritari dell’energia e dell'infrastruttura, riunendo per la prima volta i principali rappresentanti dell’imprenditoria, del mondo finanziario e della consulenza italiani

Il ministro Angelino Alfano davanti la Prefettura di Agrigento

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha organizzato insieme al vice primo ministro libico Ahmed Maiteeg il primo Forum economico italo-libico, che avrà luogo ad Agrigento sabato, dalle 10.30 alle 16. Obiettivo del Forum, proposto da Alfano in occasione della sua visita a Tripoli del 6 maggio scorso e subito accolta con favore dal vice primo ministro Maiteeg, è quello di avviare una riflessione approfondita, condivisa con il settore privato, sulle prospettive che si apriranno nel mercato libico per le imprese italiane, una volta ristabilite le necessarie condizioni di sicurezza e, quindi, sul futuro posizionamento del sistema economico italiano in Libia. 

LEGGI ANCHE: Sarà ad Agrigento il primo forum economico Italia-Libia 

"La Libia costituisce storicamente un partner d'eccezione per l’Italia, non solo sul piano politico e della sicurezza, ma anche su quello economico” - ha ribadito Alfano, aggiungendo che “il Governo italiano è fortemente impegnato per la stabilizzazione del Paese e il ripristino delle condizioni di sicurezza necessarie per il rilancio delle relazioni bilaterali sotto tutti i profili e, in particolare, per quanto riguarda la cooperazione economica, infrastrutturale ed energetica”.

Secondo le intenzioni degli organizzatori, il Forum costituirà l’occasione, facendo leva sul rapporto privilegiato tra Italia e Libia, per esplorare le opportunità che il Paese riserverà nei settori prioritari dell’energia, infrastruttura, reti cooperazione economica e finanziaria, riunendo per la prima volta i principali rappresentanti dell’imprenditoria, del mondo finanziario e della consulenza italiani e libici nonché i vertici del governo libico.

LEGGI ANCHE: Forum economico, chiusura anticipata della Valle dei Templi 

“Il Governo italiano intende rafforzare l'amicizia e la cooperazione nelle aree dello sviluppo economico e sociale e, in particolare, sostenere gli sforzi per la ricostruzione della Libia”, ha commentato Alfano, illustrando gli obiettivi del Forum. “Vogliamo consolidare ulteriormente il partenariato bilaterale, fondato sulla cooperazione economica, infrastrutturale ed energetica e promuovere in entrambi gli Stati ulteriori attività di cooperazione economica e commerciale”.
 
Tra i temi principali del Forum vi è anche lo sviluppo dei collegamenti nel settore delle telecomunicazioni, attraverso la ricostruzione e il rafforzamento delle reti di telecomunicazioni libiche, la posa di nuovi cavi e il potenziamento di quelli esistenti, beneficiando della presenza di un importante “hub” in Sicilia quale fulcro del traffico Internet del Mediterraneo.

LEGGI ANCHE: La Cna: "Pronti a sostenere la cooperazione" 
 
"Un interesse specifico viene rivestito dalla collaborazione nel settore finanziario, nel quale le istituzioni italiane sono disponibili, in prospettiva, a sostenere un impegno di sistema”, ha evidenziato il titolare della Farnesina. Dopo l’intervento istituzionale del ministro Alfano e del vice primo ministro Maiteeg, il Forum sarà articolato in quattro panel settoriali consecutivi, dedicati a: prospettive per gli investimenti internazionali in Libia; energia e reti; quadro finanziario e crediti delle aziende italiane; infrastrutture.  Ogni panel prevede interventi di qualificati relatori, tra cui i ministri libici dell’Economia Nasir Shaghlan e della Finanza Abubaker Ghafal e i rappresentanti di CDP-Sace, Confindustria, Unicredit, FSI, Leonardo tra i numerosi partecipanti per parte italiana. Ogni sessione si svolgerà in italiano e arabo, con traduzione simultanea.

Il Forum sarà preceduto, venerdì 7 luglio alle 11, da una conferenza stampa presso la Prefettura ad Agrigento e successivamente alle 19 dalla firma di una Dichiarazione congiunta italo-libica sul rilancio della cooperazione economica, che si svolgerà nella Valle dei Templi di Agrigento.  Nella sera del 7, si terrà inoltre – dopo la firma della Dichiarazione – un pranzo presso l’hotel Villa Athena di Agrigento, al quale parteciperanno, oltre alle delegazioni ministeriali italiana e libica, esponenti del mondo imprenditoriale italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Forum si svolgerà al Dioscuri Bay Palace Hotel di San Leone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento