Futuro delle marinerie di Sciacca e Porto Empedocle, via a "Porti aperti"

L'inziativa, sostenuta dalla Fai Cisl, punta a sostenere il comparto e i lavoratori del settore

Il porto di Sciacca

"Migliorare le tutele sociali rilanciando il settore della pesca. Questi gli obiettivi della campagna Fai Cisl '#Porto Sicuro' che punta alla sicurezza del lavoro tenendo in considerazione la rilevanza economica che ha il settore in Sicilia".

Ad affermalo è FIlippo Bartolotta, segretario generale Fai Cisl di Agrigento, Caltanissetta, Enna.  "Vogliamo dare voce ai pescatori - dice Bartolotta - elaborando proposte idonee e reali per favorire il rilancio della pesca ed assicurare un futuro a tutte quelle famiglie che traggono giovamento e sostentamento economico da un'attività secolare, caratterizzante della nostra regione". Per Filippo Bartolotta "è altresì fondamentale elaborare un sistema di ammortizzatori sociali che leniscano le emergenze di un comparto che, per legge, deve osservare lunghi periodi di fermo dell'attività  o che, in certe fasi climatiche, deve fronteggiare lo stop derivante da navigazione impraticabile. Al contempo - rimarca Bartolotta - non può sfuggire un dato incontrovertibile: il lavoro del pescatore è usurante".

"I lavoratori delle marinerie di Sciacca e Porto Empedocle - dice Veronica Iacono, componente della segreteria provinciale della Fai Cisl  - hanno maturato nel tempo un'inestimabile esperienza ma hanno un'età media elevata. Del settore della pesca pensano che sia vicino all'esaurimento perchè non intravedono  ricambio generazionale. E' un grido di allarme - aggiunge Iacono - che come la Fai Cisl raccogliamo. Con il progetto “#Porto Sicuro” vogliamo favorire reclutamento, formazione e crescita professionale assicurando futuro ad un settore che è fondamentale per l'economia della nostra regionenonchè un tratto distintivo dell'operosità dei nostri territori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento