Tutto pronto per la "Notte dei saldi", via Atenea prova a rialzare la testa

Il "salotto buono" della città, centro naturale commerciale, sembra ormai, purtroppo, aver perso il suo fascino tradizionale: tantissime le saracinesche chiuse

(foto ARCHIVIO)

Gli sconti estivi cominciano sabato. Ed in via Atenea sarà "Notte dei saldi": i negozi resteranno aperti fino alle 24. I commercianti della via Atenea, il "salotto buono" della città, tenteranno, dunque, di scongiurare il tracollo finanziario. Un tracollo che, in alcuni casi, appare però inevitabile. E la colpa, da un lato, è della crisi economica che sembra non finire mai e che induce anche gli agrigentini a non spendere oltre il necessario, ma dall'altro lato è legata anche al "circuito" della via Atenea. Perché la via Atenea - centro naturale commerciale - sembra ormai, purtroppo, aver perso il suo fascino tradizionale. Fino a diversi anni fa, la via Atenea rappresentava, infatti, per agrigentini e residenti dell'hinterland, il punto commerciale privilegiato. Poi, però, sono arrivati i centri commerciali artificiali. E da quel momento in poi, gli affari hanno iniziato ad andare sempre peggio. Tantissime, infatti, le saracinesche abbassate. 

“In via Atenea – ha detto ieri una commerciante – ci sono circa 40 negozi che si affittano. Ed ogni negozio che chiude è una parte della città che muore. Può andare bene il centro commerciale, ma non si deve penalizzare il centro cittadino perché quella è l’immagine della città”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Adesso, a partire da questa "Notte dei saldi", i commercianti proveranno a tenere testa alle spese e forse anche a guadagnare. La stagione degli sconti è però anche la stagione della "selva" ed occorre stare attenti, evitando di incappare in possibili fregature. Secondo la Confcommercio occorre “conservare lo scontrino per la sostituzione del bene acquistato o per contestare un prodotto difettoso. E poi occorre scegliere le aziende che hanno una strutturazione improntata sulla correttezza, stando ben attenti che il giorno prima dell’avvio dei saldi il prezzo non venga fatto appositamente lievitare, per poi, all’improvviso, essere ribassato".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento