Raddoppia l'imposta di soggiorno, la Cna: "Sarà un danno per le strutture ricettive"

La protesta: "L’entità del tributo che lievita, in modo così sensibile, rischia di pregiudicare il sistema produttivo locale"

“Tariffe aumentate per il 2019 senza alcun preventivo ed opportuno confronto con le organizzazioni di categoria. Chi produce e lavora merita quantomeno di essere coinvolto nelle scelte”. I vertici provinciali della Cna di Agrigento non condividono la linea adottata dall’amministrazione comunale di Menfi rispetto all’aumento dell’imposta di soggiorno.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il turismo rappresenta una leva importante per l’economia del territorio – affermano il presidente, Francesco Di Natale, e il segretario Claudio Spoto – è una risorsa sulla quale puntare ed investire per alimentare i flussi e gli arrivi a beneficio dell’intera filiera. Ma senza porre in essere manovre destinate a produrre riflessi negativi, come quelle azionate dalla giunta municipale di Menfi – aggiungono -  perché l’entità del tributo che lievita, in modo così sensibile, rischia di rivelarsi dannoso per le strutture ricettive e, più in generale, per il sistema produttivo locale. La modifica al rialzo della misura dell’imposta, sostanzialmente raddoppiata rispetto al passato, non può che creare preoccupazioni e agitazione fra gli operatori del settore, i quali corrono il rischio, per effetto della novità, di subire un mancato introito economico, determinato dalla flessione di presenze turistiche nella cittadina. Noi, attraverso il referente locale della Cna, Giuseppe Cammarata, - concludono Di Natale e Spoto – abbiamo raccolto l’Sos lanciato dalle attività, ma non vogliamo limitarci a questo. E’ nostra intenzione trasformare il dissenso in azione propositiva e costruttiva. Chiediamo quindi al sindaco e all’amministrazione comunale un urgente incontro per approfondire la questione, nella consapevolezza che alla fine prevarrà il buon senso e la responsabilità istituzionale nell’esclusivo interesse del bene comune”.    
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento