Libero Consorzio, approvato il bilancio di previsione 2019

Di Pisa: "Anche quest’anno siamo stati tra i primi enti di area vasta siciliani a confermare lo strumento contabile"

Il commissario straordinario Girolamo Alberto Di Pisa ha approvato il bilancio di previsione 2019, il bilancio pluriennale 2019-2021 ed anche il  documento unico di programmazione (Dup) del libero consorzio Comunale di Agrigento.

Lo schema di bilancio di previsione 2019 presenta entrate per un totale di 85.435.556.55 euro.

“Anche quest’anno siamo stati tra i primi enti di area vasta siciliani ad approvare lo strumento contabile - ha dichiaro il commissario straordinario Di Pisa, a dimostrazione di un’attenta gestione delle risorse finanziarie a disposizione. Una gestione finanziaria che coniuga l’esigenza di razionalizzare le spese con quella di offrire ai cittadini i servizi previsti dalle competenze che la legge ha lasciato in capo ai Liberi consorzi, pur in presenza di una costante diminuzione delle entrate e di un altissimo contributo alla Finanza pubblica richiesto dallo Stato. Nonostante la riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato, il Libero Consorzio comunale di Agrigento, inoltre, è riuscito a progettare e programmare decine di milioni di interventi per migliorare la viabilità provinciale e rendere più efficiente l’edilizia scolastica delle scuole medie superiori della provincia di Agrigento". 

Sul versante delle spese, le spese correnti ammontano a 51.918.835,91 e spese in c/capitale per € 33.103.664,85. Le spese per gli investimenti sono destinate prevalentemente agli interventi sulla viabilità interna e per le infrastrutture stradali, all'edilizia scolastica provinciale e al funzionamento delle scuole superiori della provincia. Impiegato, anche, un avanzo d’amministrazione pari a  4.695.462,84 euro. 

Sempre nell'ambito delle spese, il contributo alla finanza pubblica previsto nella legge di stabilità nel 2019 supera la somma di 17 milioni di euro che grava pesantemente sul bilancio dell’Ente. "Il contributo richiesto dallo Stato - fanno sapere da Libero consorzio -  assorbirà quasi interamente il totale delle entrate derivanti dai tributi propri, ovvero l’imposta provinciale di trascrizione e l’imposta sulle assicurazione degli autoveicoli. Negli Enti di area vasta delle Regione a statuto ordinario il prelievo forzoso è, invece, stato quasi interamente neutralizzato con dei trasferimenti aggiuntivi da parte dello Stato".

Diminuisce il numero e il costo dei dipendenti nonostante i limiti introdotti nel 2011 dalla riforma delle pensioni e un utilizzo non eccessivo della quota 100. La pianta organica inserita nel Dup risulta composta da 449 dipendenti a tempo indeterminato e 126 a tempo determinato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • "Sparano sulla slot machine e rapinano il bar": arrestato un 33enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento