Esportazioni di legno e arresto, aziende agrigentine fiore all'occhiello della Sicilia

Lo rivelano i dati dell’osservatorio economico di Confartigianato

Giuseppe Pezzati

Le aziende agrigentine fiore all'occhiello nelle esportazioni di legno in Sicilia. Secondo i dati dell’osservatorio economico di Confartigianato, l'indice di specializzazione dell'export di prodotti del settore legno arredo, infatti, segnala un'alta vocazione all'export di mobili della provincia di Agrigento, con indice maggiori a 100 e pari a 200.

Ma in tutta l'Isola il valore delle esportazioni di prodotti del settore legno e arredo cresce su base annua dell’8,5%, dinamica superiore a quella nazionale (+1,8%) e contrapposta a quella rilevata per il Mezzogiorno (-2,5%).

La Sicilia non rientra tra le prime regioni per valore delle vendite di prodotti in legno e mobili sui mercati esteri, ma si posiziona tra le prime cinque per incremento delle vendite di questi prodotti oltre il confine nazionale (+8,5%). Alla fine del 2017 la Federazione Confartigianato Legno Arredo conta in Sicilia 3.835 imprese che rappresentano lo 0,8 del totale imprese presenti nella regione, valore che triplica nel caso dell'artigianato (3,6%).

Oltre i tre quinti (70,5%) delle imprese del settore Legno Arredo, pari a 2.705 unità, sono artigiane. L'incidenza dell'artigianato nel settore è tra le più alte rilevate nella classifica nazionale (la Sicilia figura in questa classifica tra le prime 10 regioni italiane).

Due province dell’Isola, Palermo e Catania, sono tra le prime 48 province italiane per peso maggiore della media nazionale (3,7%) dell'artigianato del settore Legno-Arredo sul numero totale imprese artigiane totali, con il 3,8%.

Enna ed Agrigento, invece, sono le due province siciliane tra le prime 37 province italiane con quota dell'artigianato sul totale imprese del settore Legno-Arredo maggiore della media nazionale (67,6%): Enna con l’85,5% e Agrigento con il 75,8%.

Sono 4.878 gli addetti che operano nelle imprese del settore Legno-Arredo; di questi il 68,6%, pari a 3.346 unità, sono occupati in imprese artigiane.

La Sicilia è tra le prime tre regioni italiane per maggior peso degli occupati del settore Legno-Arredo in imprese artigiane. Troviamo quattro province dell'Isola tra le prime 25 italiane per peso dell’occupazione in imprese artigiane del settore Legno-Arredo: Enna (88,5%), Agrigento (79,9%), Caltanissetta (75,4%) e Palermo (70,3%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono dati che ci fanno ben sperare per i nostri artigiani che lavorano nel settore del legno – dice Giuseppe Pezzati, presidente regionale di Confartigianato Imprese Sicilia –. Spesso ci troviamo davanti a numeri negativi come, ad esempio, nel settore delle Costruzioni. È bene sottolineare quando qualcosa va nella giusta direzione. In termini di export, anche se la nostra isola non rientra tra le prime regioni per valore delle vendite di prodotti in legno e mobili sui mercati esteri, stiamo crescendo molto. Che la Sicilia oggi si piazzi tra le prime 5 regioni per incremento delle vendite oltre confine, è una realtà che può solo spingerci a fare sempre meglio e di più”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • La curva epidemiologica continua a salire: c'è un caso in più di Coronavirus a Favara, confermato l'esito test a 92enne

  • Esce di casa per fare la spesa anziché restare in isolamento: denunciata 48enne rientrata dal Nord

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento