Disequilibrio finanziario, "buco" da 3,7 milioni per l'ex Provincia di Agrigento

E' l'ente messo meglio fra tutti quelli dell'isola dove è "profondo rosso" con complessivi 155,4 milioni di euro di disequilibrio

Una veduta dell'ex Provincia regionale

Il Libero consorzio comunale di Agrigento è quello che ha il minore disequilibrio finanziario. Un "buco" di 3,7 milioni. Emerge dal dossier in mano all'assessore regionale all'Economia, Gaetano Armao, che sta negoziando con lo Stato la via d'uscita per le ex Province senza bilancio di previsione e ormai in profondo rosso. 

Strade provinciali impercorribili, i progetti ci sono ma mancano i soldi 

E' pari, infatti, a 155,4 milioni il disequilibrio finanziario globale delle ex Province in Sicilia quantificato dal monitoraggio effettuato dal dipartimento autonomie locali della Regione, quasi il doppio rispetto all'anno precedente quando fu pari a 82,6 milioni. La situazione peggiore a Catania e Siracusa, con uno squilibrio pari rispettivamente a 35,7 e 35,3 milioni di euro; a Palermo il "buco" è di 23,4 milioni di euro. Seguono Trapani 15,7 milioni, Messina 13,5 milioni, Ragusa 11,9 milioni, Enna 8,4 mln, Caltanissetta 7,5 milioni e, appunto, Agrigento con 3,7 milioni di disequilibrio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una situazione che, segnala la Regione, "ha compromesso l'erogazione di servizi, in particolare la gestione della rete stradale di competenza, l'assistenza ai disabili, il supporto alle scuole di secondo grado, l'edilizia scolastica". E "ha messo in discussione la continuità del rapporto di lavoro dei dipendenti". Per la Regione "le principali cause di questa grave situazione finanziaria sono da ricercare nella drastica riduzione/azzeramento dei trasferimenti statali e nel prelievo forzoso operato dallo Stato attraverso il contributo di finanza pubblica". Per il 2018 il contributo per i conti dello Stato grava sulle ex Province siciliane per 277,1 milioni di euro, pari al 42% delle uscite degli enti siciliani. "Senza questo contributo - spiega la Regione - gli enti potrebbero risolvere gran parte delle loro criticità finanziarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Covid-19, il "mostro" è ancora in agguato: quattro positivi all'ospedale San Giacomo

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento