Danni del maltempo ad Aragona, il sindaco chiede lo stato di calamità

Il primo cittadino ha fatto un giro anche tra le campagne del territorio aragonese ed ha accertato la presenza di numerosi smottamenti di terreno

Foto archivio

Il sindaco di Aragona, Giuseppe Pendolino, questa mattina, subito dopo la celebrazione del 4 novembre, ha compiuto, assieme ai vigili urbani, un sopralluogo in tutta la città per constatare i danni causati dal maltempo di ieri. Il primo cittadino ha fatto un giro anche tra le campagne del territorio aragonese ed ha accertato la presenza di nunerosi smottamenti di terreno. I vigili urbani hanno lavorato sul posto per rimuovere i detriti. "Gli agricoltori hanno subito gravi danni - dichiara il sindaco Giuseppe Pendolino, che aggiunge "su quanto accaduto ad Aragona informeremo il Governo regionale e chiederemo lo stato di calamità. Esprimo, inoltre, il mio profondo cordoglio ai familiari delle vittime del maltempo che ieri ha imperversato in tutta la Sicilia".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Hashish all'uscita di scuola o per l'happy hour: il blitz "Piazza pulita" cancella lo spaccio nel centro storico

  • Cronaca

    Giro d'affari di oltre 150 mila euro, segnalati alla Prefettura 32 giovani: anche sedicenni

  • Canicatti

    "Incendiano un portone di un'abitazione", fermati due 18enni

  • Cronaca

    Piccolo "terremoto" in casa Ati, il sindaco Alba va via sbattendo la porta

I più letti della settimana

  • "Mi voleva avvelenare", figlio spara alla madre: donna in ospedale, 22enne arrestato

  • Era tornato a fare il bancomat: ritrovato il quindicenne scomparso

  • Litiga con un uomo e per sbaglio parte un colpo di fucile: 50enne ferisce il figlio di 17 anni

  • Quindicenne scompare nel nulla, avviate le ricerche su tutta la penisola

  • Prova lo scooter di un amico e si schianta contro l'autobotte, 16enne ferito

  • Scoperto un "falso odontoiatra", sequestrato uno studio medico: denunciate 3 persone

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento