Ambiente, arrivano le colonnine per ricaricare le auto elettriche

Decisione della giunta comunale che ha stipulato un protocollo di intesa con una società per l'installazione in punti strategici

E' stata approvata, nella riunione della giunta comunale di ieri, l’adesione al protocollo d’intesa con la società "E-carica Srl" per l’installazione di colonnine ricarica per la mobilità elettrica nel territorio comunale.

"Lo scopo dell’adesione all’iniziativa - spiega il Comune con una nota - è quello di adottare delle soluzioni che possano contribuire a migliorare la qualità dell’aria in città e ridurre l’inquinamento acustico. La proposta non prevede alcun onere a carico dell’ente che trarrà invece solo dei benefici anche in tema di servizi. Le due colonnine verranno installate in zone di potenziale maggior afflusso di utenti che saranno appositamente individuate. il protocollo d’intesa avrà durata di otto anni e sarà efficace dalla data di sottoscrizione".

La giunta, inoltre, ha approvato il progetto riguardante l’approvazione amministrativa del progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza “Canicattì Sicura”. L’importo totale del progetto ammonta a 610.000 euro di cui 40.000 è la quota cofinanziata dal Comune di Canicattì e i restanti 570.000 sono a carico dell’ente finanziatore. 

E' stata, infine, approvata la ricognizione e rideterminazione della dotazione organica e dell'organigramma del Comune.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento