Strage di cani randagi a Zingarello, sono stati avvelenati da qualcuno?

La denuncia arriva dall'associazione ambientalista "Mareamico": adesso saranno le analisi a verificare la causa della morte

Uno dei cuccioli sopravvissuti

"Cinque cani sono stati trovati morti a Zingarello, probabilmente avvelenati, e parecchi altri mancano all'appello". A lanciare l'appello è stata l'associazione ambientalista Mareamico.

"Questa mattina - dicono ancora dall'associazione - i vigili urbani, con la ditta incaricata, provvederanno a ritirare le carcasse, mentre il servizio veterinario provvederà ad inviare una carcassa all'ufficio zooprofilattico di Palermo, per accertare la causa della morte. La scena peggiore è quella di 3 cuccioli che vegliano la mamma morta".

Se le morti fossero davvero da attribuire ad un avvelenamento a tappeto dei randagi (alcuni dei quali appunto risultano con cuccioli o incinta) il quadro sarebbe inquietante, preché rappresenterebbe una recludescenza del fenomeno delle uccisioni indiscriminate di cani presenti sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento