Visite specialistiche, al San Giovanni di Dio si potranno fare anche di sera

L'Asp vara un piano straordinario finalizzato a contenere i tempi per gli utenti e sfruttare pienamente le apparecchiature

Una Tac

Diagnostica e visite specialistiche, l'Asp tenta di ridurre i tempi di attesa e "sfruttare" a pieno ritmo le apparecchiature in dotazione e ridurre così tempi di attesa e disagi per i cittadini. Lo racconta l'edizione odierna del quotidiano La Sicilia.

Per quanto riguarda specificatamente la radiodiagnostica, l'azienda punta ad aumentare l'utilizzo del macchinari per Tac, risonanza magnetica e Pet fino all'80% della loro reale capacità produttiva. Significa quindi che queste apparecchiature potrebbero lavorare fino a 15 ore al giorno, con possibilità di visite anche in orario pomeridiano dalle 14 alle 20 e dalle 20 alle 23 per la Tac e fino alle 20 per la Pet. 

Questo, spiega ancora il giornale catanese, potrebbe portare ad una riduzione dei tempi di attesa di 48 ore per i pazienti interni e 3 giorni per pazienti esterni. Non solo, ma l'informatizzazione del sistema di prenotazione consentirà adesso di verificare i tempi medi di attesa e lo stato della propria richiesta.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

  • Incidente sul lavoro: si ribalta il trattore e muore un 53enne

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento