Parrucche in testa e taglierino in mano, in due rapinano una banca al Villaggio Mosè: arraffati almeno 100 mila euro

Sono riusciti a farsi consegnare, dagli impiegati, tutti i soldi che c'erano in cassa e, in maniera fulminea, sono fuggiti

Una veduta del viale Leonardo Sciascia (goto Google Maps)

Indossavano anche delle parrucche, verosimilmente per rendersi irriconoscibili, i due malviventi che alle ore 13 circa hanno rapinato la banca Bper (Banca popolare Emilia Romagna), di fronte al McDonald's, lungo il viale Leonardo Sciascia al Villaggio Mosè. I due hanno fatto irruzione all'improvviso e senza che si innescasse alcun allarme. Minacciando, con il taglierino appunto, gli impiegati che erano alla cassa si sono fatti consegnare tutti i soldi disponibili. Senza perdere un solo secondo, i rapinatori si sono poi dileguati. 

Lungo il viale Leonardo Sciascia si sono precipitati i carabinieri che hanno ricostruito l'accaduto e avviato le ricerche. Pare - ma la quantificazione, fino a tarda sera, era ancora in corso - che i due balordi siano riusciti a portar via almeno 100 mila euro. I militari dell'Arma, nel frattempo, stanno conducendo un vero e proprio rastrellamento: sono state già controllate molte persone, anche note per reati analoghi.  

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Specchio, specchio delle mie brame

  • Il party perfetto di Ferragosto

I più letti della settimana

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • Mafia e massoneria deviata, scatta un altro arresto e un obbligo di presentazione alla Pg

  • Si sente male mentre fa il bagno, tragedia in spiaggia: muore un pensionato

  • Ritrovato nascosto in un casolare il trattore rubato: scattano tre arresti

  • Auto investe un ciclomotore e scappa: due 17enni feriti, denunciato automobilista "pirata"

  • Incidente tra auto e scooter, ferito grave il motociclista: trasferito in elisoccorso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento