Villa Genuardi diventa sede unica della Soprintendenza: progetto da 3 milioni di euro

Musumeci: "Vogliamo procedere alla manutenzione dei giardini, caratterizzati da alberi di alto fusto, e renderli fruibili costantemente a cittadini e turisti"

Villa Genuardi diventerà la sede unica della Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento. La decisione è stata presa dal presidente della Regione Nello Musumeci, in occasione del sopralluogo di ieri nella città dei Templi. Accompagnato dal dirigente generale del dipartimento Sergio Alessandro e dal soprintendente Michele Benfari, il governatore ha visitato la storica struttura, evidenziando gli interventi immediati che vanno realizzati. A disposizione ci sono circa tre milioni di euro.

Ad occuparsi del progetto complessivo di riqualificazione - che dovrebbe essere approvato entro febbraio - sarà la stessa Soprintendenza. Subito dopo verrà pubblicata la gara d’appalto per i lavori.

"Vogliamo - dice Musumeci - da un lato valorizzare un edificio che appartiene alla storia di Agrigento e, dall’altro, rendere unica la sede degli uffici, anche per una migliore fruizione dei servizi da parte degli utenti, che in questo modo non dovranno più fare la spola tra luoghi diversi. Al momento, infatti, il personale è diviso tra villa Genuardi e l’ospedale vecchio. Vogliamo, inoltre, - conclude Musumeci - procedere alla manutenzione dei giardini annessi alla villa, caratterizzati da alberi di alto fusto, e renderli fruibili costantemente a cittadini e turisti". La cura del Parco, al momento, è affidata a dipendenti regionali della Forestale, che operano in collaborazione con la Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento