"Al mostro tremano le gambe, abbattetelo!": Tusa rilancia demolizione del viadotto Morandi

L'assessore regionale ai Beni culturali, il critico d'arte Vittorio Sgarbi e il presidente del Fai Andrea Carandini hanno scelto TourismA per rilanciare l'idea di una viabilità alternativa

Una veduta del viadotto Morandi

"Al mostro tremano le gambe, abbattetelo!" Sebastiano Tusa, assessore regionale ai Beni culturali e all'identità siciliana, il critico d'arte Vittorio Sgarbi e il presidente del Fai, Andrea Carandini, hanno scelto TourismA, il salone internazionale dell'archeologia e dei beni culturali di Firenze, in corso al Palazzo dei Congressi, per lanciare il loro appello per l'abbattimento del viadotto Morandi di Agrigento.

L'assessore Sebastiano Tusa: "Tutelo il paesaggio, non sono un ingegnere"

A TourismA è stata proposta una soluzione di viabilità alternativa che possa finalmente liberare Agrigento. I fatti di Genova, hanno riaperto la ferita dentro i siciliani che nel '70 videro la nascita di questo ecomostro, in una città già martoriata dal cemento. E il ponte è un'orrenda cicatrice, prima di tutto per lo sfondo paesaggistico del Parco Valle dei Templi.

Demolizione del viadotto Morandi? Firetto: "No senza una viabilità alternativa"

"La recente tragedia di Genova - ha detto, all'Adnkronos, l'assessore Tusa - ha scosso le coscienze di tanti  siciliani che, in virtù della tragedia genovese, hanno rivissuto i tragici giorni della frana di Agrigento che dal 19 luglio del 1966 cambiò il volto della città dei templi innescando una serie infinita di battaglie politiche e giudiziarie. In tale contesto rivive anche la memoria delle polemiche che insorsero quando nel 1970 venne costruito il viadotto che collega la città con il quartiere di Villaseta su progetto del medesimo ingegnere Riccardo Morandi. Opera ritenuta utile per collegare gli sfollati della frana alla città, ma offensiva del paesaggio della città antica con la sua splendida collina dei Templi. Da allora molti, definirono l'opera un ''abuso di Stato'' ben più grave ed invasivo delle decine di abusi edilizi privati perpetrati nella Valle". Oggi la spesa, prevista per la sua ristrutturazione, si aggirerebbe sui 30 milioni di euro. Ci sono valide soluzioni alla viabilità alternative secondo il presidente Fai Carandini e comunque "la vera ricchezza di quel luogo è il paesaggio e per preservarlo siamo assolutamente favorevoli all'abbattimento del viadotto Morandi". "Già Agrigento ha quella cortina di edifici mostruosi contro i quali non è possibile far niente. Ma un singolo ponte per di più inutilizzabile si può abbattere. L'idea che il moderno deve 'schiantare' l'antico non va bene". 

Dopo anni di attesa, la svolta: soldi in arrivo per la manutenzione 

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Tipe da spiaggia: cosa mi metto?

I più letti della settimana

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

  • "Vieni a fare le pulizie a casa mia": 29enne minacciata di morte e stuprata, arrestato

  • Mafia, permesso speciale al boss ergastolano Ignazio Ribisi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento