Due case rischiano di crollare, sgomberate due famiglie

I vigili del fuoco hanno accertato che una delle due strutture aveva "lesioni nei muri perimetrali" e segni di infiltrazioni d'acqua, mentre l'altra mostrava chiari segnali di cedimento

Un sopralluogo dei vigili del fuoco (foto ARCHIVIO)

Gli edifici sono pericolanti, emesse due ordinanze di sgombero e di messa in sicurezza in via Santa Croce. Tutto parte nei giorni scorsi da un sopralluogo, realizzato dai vigili del fuoco per verificare le condizioni di due edifici. Quanto individuato dai tecnici è tutt'altro che rassicurante: una delle due strutture aveva "lesioni nei muri perimetrali" e segni di infiltrazioni d'acqua, mentre l'altra mostrava chiari segnali di cedimento. L'area fu quindi interdetta e oggetto di un successivo sopralluogo il 7 novembre da parte della polizia locale e della Protezione civile comunale, che accertate le generalità dei proprietari delle unità immobiliari in questione, hanno predisposto gli atti che adesso è stato il sindaco a trasformare in una ordinanza di sgombero cautelativo e precauzionale per cinque famiglie, due delle quali extracomunitarie. Il primo cittadino nel suo atto impone anche ai proprietari la messa in sicurezza e la verifica statica delle strutture entro 15 giorni. 

Una situazione che si spera possa rientrare velocemente dato che l'inibizione dell'area interessata dal rischio crollo sta portando ad importanti effetti collaterali. In particolare la chiusura di quel tratto della via Santa Croce sta impedendo ai mezzi della raccolta differenziata di raggiungere quella porzione di centro storico, Questo sta creando pesanti disagi ai residenti, che devono convivere con una vera e propria discarica abusiva. Pare che agli stessi, comunque, sia stato chiesto di conferire i mastelli nella sottostante via Garibaldi, ma senza risultati apprezzabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento