Valle dei Templi aperta anche all'alba, cartellone estivo con eventi senza soste

Il Parco archeologico punta al milione di visitatori all'anno, Tusa: "Preziosa iniziativa"

Per la Valle dei Templi, in assoluto il sito italiano che più è cresciuto in termini di ingressi e di gradimento del pubblico, si delinea un’estate straordinaria che fa allungare lo sguardo verso il milione di visitatori, obiettivo del 2018. Che la vedrà chiusa soltanto qualche ora della notte, visto che il cartellone estivo accoglie sia reading classici all’alba, che spettacoli in notturna, itinerari guidati dalla luce delle “lucciole” e musica sotto il Tempio di Giunone. Oltre, naturalmente, alle visite quotidiane.

Soltanto a giugno si registra una crescita del 20 per cento in più rispetto allo stesso mese dell'anno scorso che aveva già totalizzato un 24 per cento in più. L’obiettivo del 2018 è quello di arrivare al milione di visitatori. Nel 2017 la Valle dei Templi ha registrato un numero altissimo di ingressi, 857.333 visitatori (ovvero il 31 per cento in più rispetto all’anno precedente); trend in salita che viene confermato anche nei primi cinque mesi del 2018 che già registrano un ulteriore incremento del 25 per cento grazie anche all'attivazione della vendita on line dei biglietti di ingresso.

“Un'ulteriore, preziosa iniziativa del Parco di Agrigento: estendere la visita dall'alba alle ore notturne per permettere ai visitatori di vivere emozioni e sensazioni normalmente impossibili nel consueto orario di visita – spiega Sebastiano Tusa, assessore regionale ai Beni culturali e all'Identità siciliana -. Vivere l'alba tra le suggestive ed evocative memorie della fantastica città di Akragas, è un'esperienza unica che certamente verrà apprezzata a livello nazionale e internazionale.  Si tratta di una iniziativa che amplifica e qualifica ancora di più le già apprezzate qualità del Parco, che intendiamo estendere agli altri siti importanti della Sicilia. La speranza è non solo aumentare le visite ma contribuire al riscatto economico di questa terra partendo dai giovani coinvolti in queste iniziative".

"L'unione fa la forza. Solo insieme le realtà archeologiche del territorio possono lavorare in sinergia e attrarre turisti e visitatori - ha detto Gioconda La Magna, direttore del polo culturale di Agrigento - grazie alla apertura del terzo varco il Museo archeologico “Pietro Griffo” ha registrato un incremento del 20 per cento".

“Con la collaborazione preziosa di CoopCulture stanno cambiando tante cose – interviene il direttore della Valle dei Templi, Giuseppe Parello -; l'obiettivo è quello  di offrire un cartellone che accolga sia il teatro classico che le espressioni  della musica contemporanea. Per valorizzare il patrimonio siciliano e, nello stesso tempo, spingere il turista a soggiorni più lunghi. Ma non ci fermeremo con l’estate: sarà una lunga stagione che comprenderà gli eventi istituzionali del Parco come il Festival del cinema archeologico e che, arrivando all’autunno, lambirà il Mandorlo in fiore”. 

"Il programma è concepito in una logica di valorizzazione integrata del territorio – dice il direttore di CoopCulture, Letizia Casuccio - dove archeologia, paesaggio, espressioni artistiche di grandi livello e enogastronomia si fondono per regalare ai visitatori della Valle, un’esperienza e non solo una visita".

“Un programma di eventi ad ampio respiro, che spazia dal teatro classico a quello sperimentale, alla musica – conclude il curatore del cartellone estivo, Marco Savatteri -. E una mini rassegna teatrale che darà voce alle risorse agrigentine, con spettacoli volti ad incoraggiare il teatro come esperienza di vita di una comunità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento